IL Papa: non private i vostri popoli della speranza e L’IMMORALITA’ POLITICA

Filippo Bongiovanni il Ven Dic 02, 2011 3:42 pm

Mi scuso con i miei amici studiosi di Termoli, Vittorio e Teodoro che rispettivamente in alcune riprese mi avevano sottoposto alcune Loro preoccupazioni su dichiarazioni e fatti accaduti come potevano e devono essere interpretati…e che risposte ci potevano essere..

http://www.tg3.rai.it/dl/tg3/Page-2e4c8408-c4ee-4eb3-abdb-86b4cc525b57.html
Dal Min:13,55 al Min:15,28
IL Papa ai responsabili del mondo:non private i vostri popoli della speranza 

Mi scuso Santità, ma la speranza è l’ultima a morire…!!?? Non sono un predicatore o un fanatico religioso, ma un fervente credente Cristiano che sta aspettando che si manifesti LA POTENZA DIO ATTRAVERSO SUO FIGLIO… E’ stato detto e scritto…
Vangelo secondo Luca
Luca – Capitolo 16
13]Nessun servo può servire a due padroni: o odierà l’uno e amerà l’altro oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. “Non potete servire a Dio e a mammona».

Il libro della Lettera di Giacomo nella sacra bibbia da capitolo 1 a capitolo 5.
Giacomo – Capitolo 4
Avvertimento ai ricchi
[13]E ora a voi, che dite: «Oggi o domani andremo nella tal città e vi passeremo un anno e faremo affari e guadagni», [14]mentre non sapete cosa sarà domani! Ma che è mai la vostra vita? Siete come vapore che appare per un istante e poi scompare. [15]Dovreste dire invece: Se il Signore vorrà, vivremo e faremo questo o quello. [16]Ora invece vi vantate nella vostra arroganza; ogni vanto di questo genere è iniquo. [17]Chi dunque sa fare il bene e non lo compie, commette peccato.
Giacomo – Capitolo 5 [1]
E ora a voi, ricchi: piangete e gridate per le sciagure che vi sovrastano! [2]Le vostre ricchezze sono imputridite, [3]le vostre vesti sono state divorate dalle tarme; il vostro oro e il vostro argento sono consumati dalla ruggine, la loro ruggine si leverà a testimonianza contro di voi e divorerà le vostre carni come un fuoco. Avete accumulato tesori per gli ultimi giorni! [4]Ecco, il salario da voi defraudato ai lavoratori che hanno mietuto le vostre terre grida; e le proteste dei mietitori sono giunte alle orecchie del Signore degli eserciti. [5]Avete gozzovigliato sulla terra e vi siete saziati di piaceri, vi siete ingrassati per il giorno della strage. [6]Avete condannato e ucciso il giusto ed egli non può opporre resistenza.

A COSA SERVE L’ONU ?
Ho scritto il 15 Agosto 1987 :
L’ONU, ne abbiamo già parlato. Una macrocosmica struttura politica mondiale incapace di funzionare. A che serve l’ONU ? Se è privo del potere di far rispettare i diritti fondamentali della vita dei popoli, della pace e della giustizia. A che serve questo elefantiaco potere fittizio soggetto ad essere prevaricato, disubbidito da arroganti e violenti despoti, disposti ad ignorare i più elementari diritti della vita.
A che serve l’ONU, se basta un veto dei cosi detti “grandi” per permettere che i piccoli indifesi vengono divorati ?
A che serve l’ONU ?
Eppure sarebbe potuto servire per impedire la scalata verso l’autodistruzione del genere umano di questo pianeta.
L’amico dell’Homo : Eugenio Siragusa

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-c9db42a9-8cbf-4106-a058-48412966d8e4-tg3.html#p=0 
agenda del modo

VITE D’ARGILLA” Uno speciale di Marcello Greco e Claudio Rubino; montaggio di Guido Tombari In Perù sono almeno tre milioni i bambini impiegati in attività lavorative. “Agenda del mondo” è andata a incontrarli e raccontare le loro storie. Un viaggio nel degrado e nella miseria, dove lo sfruttamento del lavoro minorile è di fatto qualcosa di necessario e irrinunciabile per migliaia di famiglie poverissime, che per sopravvivere non possono fare a meno del contributo dei propri bambini. Bambini costretti a lavorare per diverse ore al giorno in condizioni pericolose e in ambienti insalubri, come le cave d’argilla di Huachipa, periferia est di Lima, dove si producono mattoni.

OGNI BAMBINO CHE MORIRA’ PER L’INCURIA DELL’UOMO, SARA’ COME UNA CELLULA DE VOSTRO TESSUTO UMANO CHE PERISCE E INNESTA METASTASI IRREVERSIBILI…!!!

” DAL CIELO ALLA TERRA 
” TRAMITE EUGENIO SIRAGUSA”

LA POVERTA’ FRUSTATA DALL’ OPULENZA DI CHI SI ARROGA IL PERVERSO DIRITTO DI DOMINARE E DI MACERARE LE CARNI DEL PROSSIMO ODIATO E RESO SCHIAVO, VIOLENTATO NEI SUOI PIU’ ELEMENTARI ED UMANI DIRITTI. L’ ORGOGLIO DI CHI HA MOLTO E L’ UMILIAZIONE DI CHI HA POCO O NIENTE. MA LA PROMESSA FATTA E’ E RIMANE QUELLA CHE GLI AFFLITTI E I DERELITTI ATTENDONO AFFINCHE’ GIUSTIZIA SIA FATTA. I RICCHI AVRANNO LE LORO RICOMPENSE E LA TIGNA DIVORERA’ I LORO AVERI.LA LIVELLA DELL’ ALTISSIMO SIGNORE VERRA’ POSTA SULLA TERRA E I MALVAGI SI NUTRIRANNO DI POLVERE E DI STERCO. VOI CHE SOFFRITE, SPERATE PERCHE’ E’ VERO CHE LA VOSTRA ATTESA NON VERRA’ DELUSA: SARETE TESTIMONI E I VOSTRI CUORI GIOIRANNO PER QUANTO VEDRETE DA QUI A NON MOLTO TEMPO. L’ IRA SANTA SI E’ SMOSSA E PESANTE SARA’ IL SUO GIUDIZIO VERSO COLORO CHE HANNO PREFERITO L’ ODIO ALL’ AMORE, L’INGIUSTIZIA ALLA GIUSTIZIA, LA GUERRA ALLA PACE. ABBIATE FEDE.
DAL CIELO ALLA TERRA 
EUGENIO SIRAGUSA
20 /1 / 1981 

http://www.tg3.rai.it/dl/tg3/Page-2e4c8408-c4ee-4eb3-abdb-86b4cc525b57.html
Dal Min.15:29 al Min:17:05
“Gli Indignati”di tutto il mondo

http://blog.panorama.it/mondo/indignados-di-tutto-il-mondo/
“Gli Indignati”di tutto il mondo

…IL PIANETA TERRA E IL SUO ENZIMA UOMO SONO AL COLLASSO…..!!!
SONO COME UN MALATO ,CHE STA PER ENTRARE IN SALA OPERATORIA
PER ESSERE SOTTOPOSTO AD UN INTERVENTO CHIRURGICO E VERSA IN
COMA IRREVERSIBILE…!!!
LEGGETE….!!!

PAROLE COME TRAPPOLE
…Quando si parlerà molto dell’uomo, sarà il tempo in cui si trascurerà l’uomo. E quando si parlerà tanto di benessere sarà il tempo in cui un malessere sottile serpeggerà tra le genti. Montagne di parole si spenderanno per niente e trappole di parole insidieranno le strade del buonsenso. Molti uomini verranno distrutti dalle pestilenze, molti uomini verranno distrutti dalle armi e moltissimi verranno distrutti dalle aride parole. Perché quando i tempi saranno maturi, l’uomo sarà ricco di lingua ma povero di cuore.
Rasputin, il monaco santo

IL FIUME CHE DIVENTA RUSCELLO
…La vita è un dono di Dio, ma un giorno diventerà un peso, una maledizione…Cercheranno la morte i ricchi e cercheranno la morte coloro che hanno ancora sulle labbra il latte materno, perché la quercia verrà spaccata in più parti e il fiume verrà diviso. E diventerà ruscello e poi rigagnolo.
Quando il mio spirito sarà ancora sulla Santa Madre molti fratelli moriranno per spada di fratelli;
e quando un mio tempo sarà passato, molti uomini moriranno per fuoco e per assenzio. Ma la grande morte sarà la morte della famiglia, che verrà dissanguata, oltraggiata, crocifissa. E sulle sue macerie crescerà la rosa della disperazione.

Rasputin, il monaco santo.
La parte migliore dell’umanità è tutta indignata… perché coinvolta dalla parte peggiore e non possono evitare il peggio, se non attraverso un atto di buona volontà che doverebbe unirli e responsabilmente avviarli,verso la risoluzione dei problemi creati da tuti…!!La buona volontà, a sua volta deve essere corroborata dalla piena fermezza, per far risorgere l’uomo e indirizzarlo verso la salvezza del salvabile. Il futuro dipende solo da noi…

L’IMMORALITA’ POLITICA
Una politica fatta di bustarelle, di raccomandazioni, di privilegi, di corruzione, di tangenti, di scandali, di omertà, di connivenze, di favoritismi, di compromessi e di partigianerie.
Questa classe politica è da condannare in toto poiché non ha saputo e voluto essere al servizio dell’uomo e delle sue inderogabili esigenze.
Agitano le spettro della recessione, dell’inflazione, del debito pubblico e sono i primi a garantire la ricchezza a se stessi e a tutti i privilegiati di questa società.
Sono anni che sentiamo ripetere lo stesso ritornello lagnoso e ipocrita, sono anni che ci promettono le cose che mai manterranno.
Intanto la vita è divenuta invivibile, la natura è ormai al collasso, l’ingiustizia sociale è garantita dalla disoccupazione in aumento, dai nuovi poveri, dagli emarginati, ecc..
Tutte le strutture sociali incapaci di rispondere ai bisogni primari del cittadino: la sanità è vergognosa; la giustizia è immorale; i trasporti sono insufficienti; le case non saranno mai un diritto acquisito; il prelievo fiscale penalizza i meno abbienti; lo stanziamento pubblico privilegia gli armamenti e le caste più ricche; i pensionati non possono vivere; la scuola è rimasta ai primordi dell’uomo;il lavoro nero è ormai una regola; la tutela dell’ambiente di lavoro ancor una chimera lontanissima; i ricoveri per anziani non esistono o sono in mano i privati che ne fanno oggetto di speculazione e di “arcipelago gulag”; i diritti dei minori non sono tutelati né garantiti ecc..
Questa è la realtà per chi ha occhi per vedere ed intelletto per capire, al di là delle puerili messinscene di una classe politica menzognera, falsa ed ipocrita.
Ciò che ci garantiranno, con certezza, è una vita sempre più ingiusta, incivile e carica di affanni e di tribolazioni.
Ciò che non ci faranno mai mancare è l’uso e l’abuso di un potere che privilegia solo la classe dominante e i ricchi, i corrotti e i corruttori, i guerrafondai e i cinici, gli egoisti e gli ingiusti, gli arrivisti e gli arrampicatori sociali !
No, questa classe politica non si può più sopportare poiché ha portato l’uomo a vivere una vita incivile e destinata alla sofferenza, alla disuguaglianza ed all’apocalisse nucleare.
L’immortalità dei politici è la vera causa della disaffezione di molti verso la politica e verso le elezioni.

La politica che praticate
No, amici terrestri!
La politica che praticate produce esasperazione, odio e quant’altro di negativo, questa, è capace di fermentare. La politica deve essere corroborata dalla Giustizia che vi è stata insegnata: “quella del Vangelo”.
Non vi sia ricchezza e non vi sia povertà. Ripetiamo ancora una volta: Vi sia il necessario per tutti, il superfluo per nessuno.
Questa è la politica che pratichiamo nei nostri mondi e che ci concede Serenità, Pace, Amore e Fratellanza.
I nostri progressi spirituali, materiali, morali e scientifici sono frutti che scaturiscono da una politica incorruttibile, carica dei più evoluti concetti dei Valori Universali e corroborata da una Coscienza che travalica ogni senso egoistico.
Tutto il bene che il nostro lavoro edifica viene messo, con uguale misura, al servizio e a disposizione di tutti, nessuno escluso.
Le conoscenze della nostra scienza servono, esclusivamente, ad edificare un sano e salutare progresso.
Le risorse dei nostri mondi vengono sfruttate, ma non depauperate né coercite nel loro vitale processo rigenerativo.
No, amici terrestri!
La politica che praticate è deleteria ed il suo terminale altro non produrrà se non il caos.
Pace.
Woodok
Nicolosi, 16 Dicembre 1976 ore 11,20

Eugenio Siragusa

PERCHE’ SI VIVE
Vi siete mai chiesti qual’è l’utilità della vostra esistenza nell’economia creativa del pianeta che abitate ?
Vi siete mai domandati se il vostro operato, così come lo espletate, è gradito o meno a chi vi ha fatto a sua immagine e somiglianza ?
Dai vostri comportamenti, appare chiaro ed inequivocabile che non vi siete mai posti con genuina coscienza le due domande!
Certo è che se esistete per disarmonizzare, per distruggere e violentare l’ordine naturale, non avete motivo di esistere.
Se operate in opposizione ai desiderati della Legge che vi è stata ampiamente illustrata, allora la vostra opera non è gradita.
Se così è, come io penso, allora occorre un nuovo innesto, un intervento radicale e capace di modificare le strutture portanti di una genetica in fase di totale decadenza.
Un amico dell’Homo : Eugenio Siragusa
Nicolosi, 1 Luglio 1987

PRIVILEGIATI ?
Non ci sentiamo dei privilegiati.
Se ubbidiamo all’invito che ci viene rivolto dagli Angeli di ieri, Extraterrestri di oggi è perché sappiamo chi sono e per quale volontà si adoperano affinché non tutti periscano di affanni, sofferenze e miserie morali e spirituali.
Se speriamo è perché ci siamo imposti di essere incondizionatamente disponibili, e di rinunciare a tutto ciò che debiliti il corpo e la mente che frusta il cuore, la carne e lo spirito.
Se possediamo la pace e quel necessario equilibrio che ci concede di non essere presi dalla sottile e ingannevole rete del maligno, lo dobbiamo alla rinuncia di tutto ciò che occorre, ammorba e rende infelice e amara l’esistenza.
L’integrità scaturisce dall’ubbidienza alla Legge di Giustizia, della Pace e del Fraterno Amore; scaturisce anche da chi ci ama, e sappiamo chi è.

L’amico dell’Homo : Eugenio Siragusa
Nicolosi, 8 Luglio 1987

C’è un quadro famoso che rappresenta Gesù in un giardino buio. Con la mano destra bussa ad una porta pesante e robusta. Quando il quadro fu presentato per la prima volta ad una mostra, un visitatore fece notare al pittore un particolare curioso. “Nel suo quadro c’è un errore. La porta è senza maniglia”. “Non è un errore” rispose il pittore. “Quella è la porta del cuore umano. Si apre solo dall’interno”. 
La Foto rappresenta lo stato attuale un cui versa praticamente la nostra società odierna.
Non mi sono posto se è autentica o meno, ma realtà pratica è sicuramente così

Publicado en Epiritual, Internacional, Messaggi, Sociales y globales, spirituale
error: Content is protected !!