LA LICENZIOSITÀ DI POTER COMMETTERE SACRILEGI

-Questo è il risultato raggiunto da questo essere chiamato “uomo” che avrebbe dovuto accettare e far propria la redenzione offerta dal Genio Solare Cristo-Gesù e l’opera di intermediazione della Vergine Maria presso il Padre Glorioso affinché potesse accogliere il giusto pentimento e quindi salvarlo…MA NON SARA’ COSI’..!

Scrivevamo, molti anni fa, sul nonsiamosoli quanto oggi si ripete con la stessa drammatica situazione, nel vedere che non si ferma la corsa dell’uomo verso la perdita totale dei valori a livello fisico-psichico-spirituale.
La scelleratezza di quanti avrebbero dovuto far emergere le proprie radici Cristiane e del profondo senso di appartenenza ad esse trova riscontro in questo ennesimo atto anticristico.

“RECLAMARE ALL’EUROPA DI FAR AGGIUNGERE LE RADICI CRISTIANE NELLA CARTA DEI DIRITTI DELL’UOMO E DI FARLI RISPETTARE..!”

https://www.avvenire.it/…/pubblicita-strasburgo-lecito-usar…
Strasburgo. La Corte europea: lecito usare Gesù e Maria nelle pubblicità
http://www.ilpost.it/…/lituania-multa-corte-strasburgo-sim…/
La Lituania dovrà risarcire un’azienda multata per avere usato simboli religiosi nei suoi manifesti pubblicitari
http://www.repubblica.it/…/pubblicita_gesu_e_maria_lituani…/
Pubblicità, Strasburgo: lecito usare Gesù e Maria su poster e web
https://www.agi.it/…/corte_strasburgo_s_a_…/news/2018-01-30/
La Corte Strasburgo dice sì all’uso dell’immagine di Gesù e della Madonna in pubblicità
https://www.ilfattoquotidiano.it/…/gesu-e-maria-ne…/4127025/
Gesù e Maria nelle pubblicità, ci stupiamo per la Lituania ma da noi succedeva già 50 anni fa
http://www.mifacciodicultura.it/2016/01/05/96153/
La migrazione dei simboli: quando la religione è la migliore pubblicità
http://www.uccronline.it/…/listituto-di-autodisciplina-blo…/
L’Istituto di autodisciplina blocca lo spot che offende i cristiani

NONSIAMOSOLI APRILE-MAGGIO 1988.
MASS MEDIA: MODERNI CONDIZIONATORI
Valutando quello che succede alle attuali società, si nota che le informazioni sono sempre più numerose e circolano più o meno rapidamente grazie ai diversi mezzi di comunicazione di massa o, come si dice spesso usando un termine inglese, ai Mass-Media: giornali, riviste, radio, televisione, manifesti, volantini, prospetti pubblicitari, etc. Anche l’istruzione oggi è disponibile ai più, attraverso periodici, libri, inchieste, rapporti speciali, seminari, gruppi di studio, conferenze, etc. allora ci si domanda: perché in questo pianeta i problemi sono sempre più difficili da risolvere, perché non vi è pace, perché si vive continuamente sull’orlo di una guerra nucleare? Ci si domanda poi: per che cosa servono tutte queste informazioni, abbastanza serrate e vaste, se non si affrontano i problemi di base in una maniera costruttiva ed efficace per vivere in un mondo continuamente da migliorare? Le potenzialità ci sono e ci sono state: perché allora ci troviamo in codesta penosa situazione con tutti i crismi della piena apocalisse cioè della rivelazione profetica? Qualche cosa manca! Manca la saggezza dei popoli, manca il rispetto delle leggi universali, manca la vera giustizia, manca la verità, sì quella verità che rende libero l’uomo, ma libero veramente! È vero che l’uomo, lungo il suo cammino evolutivo, ha commesso errori determinanti, ma è anche vero che ha sistematicamente rifiutato, oggi più che mai, l’aiuto di coloro che sono sempre stati i messaggeri del nostro Creatore. È stato fatto di tutto per mutare la verità, per soffocarla soprattutto nei momenti cruciali della nostra epopea. Ad esempio la rivoluzionaria legge di Gesù Cristo fu, in parte, manipolata dalle esigenze imposte dagli imperatori, governanti e dal sinedrio. Anche gli scribi di allora deformavano le notizie per essere graditi al potere politico e religioso. La verità, come sempre, minaccia le turpitudini, scopre i misfatti e gli occulti mestieri che si esercitano per rendere infelice e dolorosa l’esistenza del prossimo. L’ignoranza, per contro, è l’arma psicologica migliore per sottomettere alla schiavitù i popoli. In codesta tremenda lotta, e poco visibile, emerge ogni giorno di più la tragica ed impressionante rinuncia alla vita da parte degli uomini ed in particolare dei giovani, la linfa vitale del nostro pianeta e del proseguo della civiltà terrestre, vittime di un continuo, incessante bombardamento psicologico aberrante e mostruoso. Di chi la colpa? Chi prepara la gioventù alla rinuncia della vita? Chi inganna i giovani? Chi!?
È attraverso le informazioni televisive, cinematografiche, le riviste specializzate che la gioventù impara l’arte d’offendere, di violentare, di uccidere, di uccidersi, in tempo di pace e in tempo di guerra. Quando mai si sente parlare delle Leggi Universali nei grandi mezzi di comunicazione? I capi politici quando mai condannano senza ipocrisie la menzogna, l’avidità, il furto e le tante altre cose aberranti? Quante volte si sente parlare nelle chiese delle Leggi Universali rivelate? In questo pianeta è invece pubblicità, e non vilipendio, vedere Gesù che alza il calice e pubblicizza il pompelmo o che viene raffigurato nel Tempio mentre vende i “suoi dieci slip”. Come pure la Vergine Maria, la quale viene raffigurata (vedi immagine riprodotta qui a fianco) nella locandina di un film pornografico:

“Diabolicamente Vostra… Ave Maria!”
tutto è permesso in questa società, anche di bestemmiare la santità o di ridicolizzare la sacralità dell’ Iddio Vivente. La maggioranza tace. I sepolcri imbiancati rimangono indifferenti a queste trovate sataniche, aperte provocazioni e continue sfide all’Onnipotente Creatore. Come i nostri avi rifiutarono il fondamento della vera conoscenza, oggi si assiste in maniera amplificata allo stesso rifiuto, determinando tutte quelle attività che in qualche maniera conducono all’autodistruzione. Si cercano palliativi per rimediare ad una insana società con discussioni, simposi, pubblicazioni o altri sistemi dettati soltanto da una conoscenza esteriore e materiale, con il fine di “educare” il popolo a risolvere gli annosi problemi che fino a non molto tempo fa erano ritenuti impossibili, fantasiosi e inumani. In realtà oggi stiamo facendo l’abitudine ad una miriade di fatti incresciosi e spesso ributtanti. Allora si tergiversa, si inganna, si nasconde, si offre droga psicologica e non. I potenti mass-media, moderni e sofisticati mezzi condizionatori della massa umana, in tale contesto fanno la parte del leone. È da loro, praticamente, che dipende lo sviluppo sano o meno di una società: se sono corrotti determinano violenza e situazioni incresciose, adatte per creare ignoranza, confusione di idee e deviazione morale e spirituale in qualsiasi popolo. Teoricamente vengono definiti il terzo potere ma in realtà possono comodamente passare al primo, investendo personalità del potere politico ed economico, provocando in esse pressioni e scelte spesso deleterie per l’avvenire di un popolo. Come già detto, non è più scandalo se la pubblicità, diventa libertina e falsa, insegna quei valori che incoraggiano l’egoismo, il possesso, l’orgoglio e la vanità e soprattutto corrompe i rapporti tra uomo e donna con lo sfruttamento sempre più frequente della donna nella pubblicità. Come se ciò non bastasse, assistiamo ad un fenomeno senza precedenti e a dir poco vergognoso. A parte le eccezioni, gli spettacoli cinematografici e le canzoni popolari trattano molto spesso argomenti come lo stupro, la violenza, la droga, le perversioni sessuali, il satanismo, etc. tutto ciò è vero e proprio terrorismo culturale e non ha risparmiato niente e nessuno. Dall’altra parte vi è la congiura del silenzio. Si sa che tale metodologia è stata applicata con sistematica costanza, in particolare modo contro gli extraterrestri e il loro ambasciatore: Eugenio Siragusa. Dove non si può arrivare con tutto ciò, le forze anticristiche attuano la metodologia del discredito. I dischi volanti non esistono e coloro che ne parlano sono mitomani, visionari, pazzi.

Questo dicono i partigiani del potere politico e religioso. Per alcuni giornalisti vincolati alla congiura del silenzio e del discredito, la realtà perciò diventa fantasia. Non manca, purtroppo, una nutrita propaganda mirante a terrorizzare adulti e bambini. Come sempre gli unici, i soli ad essere saggi, sapienti, giusti, pacifici evoluti ed altruisti sono i terrestri. Che bella presunzione! Che bella faccia tosta hanno questi manipolatori che si servono dei mass-media per divulgare turpi e menzogneri propositi. Ma i dischi volanti, gli Ufo come li chiamate, li smentiscono con clamorose manifestazioni in cielo e in terra! Si vuole ad ogni costo una società cieca e sorda, priva della reale libertà che rende l’uomo veramente libero.
Eugenio Siragusa fece conoscere il suo personale pensiero, a chi di dovere, in merito a un mezzo di comunicazione di massa: la Stampa.

“Una mostruosa bestia, viscida e velenosa, al servizio dell’ipocrisia, della menzogna e dei vili affari. La Stampa: un crogiolo dove i potenti e i tiranni dei popoli fanno l’alchimia dei barbarici misfatti e delle manipolazioni ingannatrici. Un istituto demoniaco all’insegna del servilismo e della speculazione subdola, sottile e bugiarda. Una cloaca di disonestà e di sudiciume. I giornalisti…? A parte l’eccezione, tutti, praticamente condizionati, programmati ad impastare i veleni da propinare all’opinione pubblica, in gran parte avida di sudiciume velenoso”.

Ora l’atteggiamento però non è più lo stesso perché si chiede giustizia. Si vuole ricordare perciò che l’uomo si deve assumere le proprie responsabilità difronte all’umanità e difronte a Dio. L’attuale situazione mondiale è preludio di un sostanziale mutamento destinato a scardinare tutte quelle strutture che hanno reso sterile e ammorba di male degenerante, l’esistenza. In uno dei tanti colloqui avuti, Eugenio Siragusa ebbe a dirci: “La sottile violenza che si esercita per spingere gli uomini ad ignorare la presenza di una superiore Intelligenza capace di scuotere “l’uomo” addormentato nel labirinto delle più funeste follie, non avrà successo, perché il mondo e quanto in esso nasce, vive e si trasforma, è vincolato da una legge che, oltre ad essere onnipresente, è intravalicabile, immutabile ed eterna”.
Il Testimone dell’Eterno Presente
Filippo Bongiovanni

Parlando di Eugenio in una conferenza pubblica tenuta sulla sua opera riportiamo quanto è stato detto:

Diceva Eugenio:
“Amore chiama Amore, mentre tutto muore sotto il nostro sguardo freddo e indifferente”.
E man mano che ci incastriamo nella roccia, con l’ultimo grido di angoscia, cerchiamo quell’abbraccio di salvezza che non abbiamo mai dato, per salvarci quando non abbiamo mai salvato.
Quale avvocato speriamo di avere per curare i nostri interessi, mentre sprofondiamo nel deserto senza più una goccia d’acqua, senza aver dato a nessuno l’acqua della cisterna che il destino ci aveva messo a disposizione per servire il prossimo?
Stiamo per essere giudicati, prepariamoci.
– La Speranza, oggi, si trova di fronte l’insicurezza del futuro.
Mai come in questi tempi l’uomo è messo alla prova del discernimento, e mai l’uomo è stato così in difficoltà ad usarlo.
La speranza che può nutrire ognuno di noi e donare ai nostri figli è l’esempio di rimanere integri, non farci prendere da queste lingue infernali del denaro, dell’egoismo, della droga, della sessualità; educarli e prepararli alla vera conoscenza della Natura, dell’Universo, della vera vita, dove La Misericordia del Padre è di darci sempre la possibilità della illuminazione per proseguire l’evoluzione, offrendoci il gradino superiore della continua scalata verso la Coscienza Cosmica, questo è il paradiso promesso.

Publicado en Epiritual, Messaggi, Sociales y globales, spirituale