L’Accelerazione degli eventi e il Ritorno degli Extraterrestri

Riassunto incontro “Google Meet” del 24 Agosto 2022

Gli extraterrestri , cosa dicono riguardo all’accelerazione degli eventi?!..

Risponde Filippo Bongiovanni,

Il Testimone dell’Eterno Presente:

Da sempre, potrei dire, Eugenio ha sollecitato al ravvedimento i Capi di Stato…

Pochissimi giorni fa, il Presidente della Repubblica Mattarella , in Tv , al Meeting di Rimini , diceva:

“Salvezza del Pianeta, grande Sfida. La persona è al centro e viene prima di ogni aspetto. Ed è sempre la fedeltà alla persona a porci di fronte alla sfida più grande della contemporaneità: la salvezza del pianeta dallo sfruttamento di cui l’uomo stesso si è reso responsabile”.

Questa è la prova, che i Capi di Stato se ne rendono conto , ma oramai è troppo tardi; la crisi climatica, le pandemie, la gioventù allo sbando… si sta andando verso la distruzione…solo una cosa è certa, che la Qualità verrà salvata!

Siamo nel punto ipercaotico!

Verranno posti in salvo solo coloro che si saranno sintonizzati sui Valori Cristici di Giustizia, Pace e Amore Universale.

L’Uomo non ha imparato nulla dal passato;( il linguaggio Universale della ripetizione=SARAS); Ripete gli stessi errori.

Eugenio mi raccomandò sempre, di dire , cosi come lui stesso lo fece fino all’ultimo momento: se solo l’umanità si fosse posta in ottica e avesse risolto almeno una delle più di 70 emergenze planetarie, Loro si sarebbero messi in contatto con L’Umanità.

Ma non è stato cosi !

L’uomo non è più l’apice della Terra, invece che evolversi, retrocede, ha perso il concetto della sua vera natura..si è dimenticato di chiedersi:”chi sono” , perché sono qui?”

La proiezione dell’ Umanità?!

L’ESTINZIONE!!!

Gli extraterrestri sono sempre esistiti!

———————————-

Estratto dal libro “I Giganti del Cielo”:

“E per chiarire tante perplessità, Eugenio Siragusa soleva insistere, dicendo:

Per poter comprendere la realtà sulla loro esistenza e sulla loro origine extraterrestre, occorre rivangare, attentamente, la storia che conosciamo del nostro grande passato e di prospettarla all’odierna intelligenza umana, sotto due aspetti fondamentali:

a) l’aspetto divino: spirituale

b) l’aspetto umano: materiale

Questi due fondamentali aspetti investono di una grande importanza il complesso problema di questa grande verità che, anche oggi, appare alla mente della grande maggioranza degli uomini, sotto il soloaspetto umano materiale e discutibile su un piano prettamente terreno con la partecipazione della logicache scaturisce dalla comune intelligenza e con i valori delle ristrette concezioni sino ad oggi acquisite nelcampo delle conoscenze teologiche, morali, scientifiche, materiali e spirituali in cui si articola e si svolge lanostra attuale esistenza.

È vero, invece, che esistono Verità esterne che, pur essendo lontane dal nostro ambiente vitale e pur non essendo prossime alle nostre capacità di intenderne e di valutarne la realtà operativa, si manifestano attraverso un metodico progressivo atto rappresentativo, capace di provocare, nelle strutture ipersensitive e psicomotorie degli encefali umani, le immagini delle loro facoltà operative nel grande ed eterno Edificio Creativo.

Il particolare problema di questa verità che, pur essendo di provenienza esterna e pur contenendo questi due aspetti fondamentali, ci appare comprensibile nel solo lato umano-storico, materiale-scientifico, rimarrebbe insoluto se continuassimo ad ignorare l’altro aspetto assai più importante che è appunto quello Divino, eterno, spirituale e cosmologico.

Voler comprendere la causa della Loro presenza sul nostro pianeta, vagliando il solo primo aspetto degli oggetti e delle intelligenze che li guidano, non è possibile.

Occorre mettere sul piano dell’odierna logica i fatti del grande passato che, ancora oggi, costituiscono i moventi principali di una Verità che contiene anche il principio verace delle nostre origini e del nostro futuro destino.

Gli episodi che in tutti i tempi hanno iniziato gli uomini della terra più evoluti alle conoscenze di questi due fondamentali aspetti, sono tanti, ed idonei a rendere maggior lume di consapevolezza a quanti si interessano a questo importante problema che ancora cela nel mistero le nostre vere origini, indissolubilmente legate alle origini di Coloro che, in questi ultimi tempi, si sono più chiaramente mostrati alla nostra intelligenza per farsi meglio comprendere e per dirci che:

La loro presenza sulla terra è una incontrastabile verità che ancora purtroppo si infrange nella puerile presunzione di tutti coloro che si ostinano a credersi le sole creature intelligenti dell’Universo, capaci di evolversi nell’immagine e somiglianza del Padre creativo.

Ma la loro presenza sulla Terra è, e rimane una realtà vecchissima, una verità che ancor oggi ci palesa chiaramente e con più tangibili segni manifestativi la provenienza extraterrestre di questi prodigiosi mezzi e delle forme di vita molto più evoluta che, con essi, viaggiano negli spazi siderali del cosmo ad una velocità ancora inconcepibile per la mente umana.

Volere ignorare ad ogni costo la logica possibilità di una forma di vita simile alla nostra in altrettante migliaia di migliaia di sistemi solari sparsi nella nostra sola galassia, significa voler assolutamente sconoscere il più elementare concetto di similitudine creativa che è nelle eterne facoltà di quel Genio Creativo che presiede, in eterno, il divenire continuo della Sua Cosmologica Natura Vivente. Sul nostro pianeta, si ricordano ancora episodi che dovrebbero insegnarci a meditare, a riflettere, a ponderare questi episodi prima di negare alla propria fede la Divina facoltà di valutare i princìpi manifestativi di una Verità di cui solo i valori spirituali possono per primi darci conoscenza.

La Fede è la religione dello spirito perché è vero, che è attraverso questa interiore virtù che i Geni di ogni tempo sono entrati in quel volumetrico concetto che ha sempre unito il limitato all’infinito, il mortale all’eterno, l’uomo a Dio.

Moltissimi sono stati coloro che, in tutti i tempi della nostra storia, se pur derisi, perseguitati ed uccisi dalla furia dell’ignoranza, della presunzione e dell’orgoglio, edificarono i valori immortali della nostra incessante ascesa evolutiva, pagando a durissimo prezzo questo loro grande amore per la Verità e per il bene del loro prossimo.

Essi si sono serviti della fede progressiva sempre vivificata dalle conoscenze progressive, per amore di conoscere le basi fondamentali su cui poggiano solennemente i pilastri indistruttibili dell’opera della nostra esistenza nella dura altalena del nostro libero arbitrio che, per nostra amara sventura, si è servito ed ancora si serve più del male che del bene operare.

La nostra presunzione, il nostro proverbiale spirito Tommasiano e la nostra ignoranza sbarrano la via alla fede, la sola ed unica forza dello Spirito, capace di istruire la nostra intelligenza e di renderla coscientemente consapevole di tutto ciò che non è prossimo ai nostri sensi materiali, ma che in verità vive e ci sovrasta, ci compenetra e ci sollecita attraverso il cuore e la coscienza.

Gli Extraterrestri, in un recentissimo incontro mi hanno detto: La nostra presenza sul vostro pianeta è una vecchia realtà, una realtà che molti terrestri devono ancora meditare prima di poterla includere nel concetto storico della loro esistenza dall’origine a questi tempi e che, palesemente, vi abbiamo dimostrato e dimostreremo ancora nel futuro, con prove sempre più inconfutabili, la vostra e la nostra Universale Fratellanza nello Spirito indissolubile dell’Amore di Colui che in voi e in noi vive e manifesta il Suo Genio creativo e i Suoi immutabili e Divini Concetti Operativi, per il divenire eterno di ogni cosa che fu, che è e che sarà in Lui e per Lui nei secoli dei secoli.

Spesso, si udiva la medesima domanda: “Ma perché gli Extraterrestri non si mostrano a tutti?

Sarebbe più facile credere alla Loro esistenza!”

Ed Eugenio Siragusa, semplicemente, rispondeva:

“Essi si sono mostrati con le dovute cautele per imprimere nella vostra psiche una lenta, metodica e progressiva consapevolezza della realtà che vi ha sempre, in ogni tempo, sovrastati! I Superiori Capi, che dirigono le operazioni delle flotte cosmoaeree di alcuni pianeti del vostro sistema solare e che fanno a loro volta parte di una grande Confederazione Cosmica Interstellare, raggruppante un gran numero di sistemi solari galattici ed extragalattici dell’Universo, assicurano che non è nelle Loro intenzioni forzare con interventi coercitivi la vostra cosmica, naturale attività evolutiva”.

I presenti, attenti e col fiato sospeso, ascoltavano quanto andava dicendo, e ancora gli chiedevano:

“Ma Loro le hanno fatto conoscere le nostre origini, la fonte da cui proveniamo?”

Amici e studiosi cari, desidero rendervi partecipi di un colloquio personale che ho avuto con Loro, in P.E.S. in un incontro di qualche tempo fa.

Ascoltate:

Se dovessimo esprimerci con lo stesso linguaggio con cui si espressero i nostri predecessori, durante l’operosa attività del grande passato, che incubò nel tempo il germe di un ben noto storico avvenimento di natura Divina, creeremmo certamente un rapido ma disordinato concepimento di quella grande verità che ancora sovrasta l’attuale immatura Coscienza della maggioranza dei terrestri.

****

Con ciò vogliamo giustificare prima il nostro particolare modo di comportamento, per molti assurdo ed inconcepibile, poi, la indispensabile incoerenza che siamo stati costretti a dover palesare per evitare il persistere di un concetto immediato di intervento Divino.

D.: Hanno ragione coloro che affermano che l’uomo è nato sulla terra?

R.: Gli antichi Padri conobbero la loro vera discendenza e con un senso ancora indecifrabile, esistono ancora i loro messaggi ai posteri a cui hanno dato tutta l’impronta di tale verità

Nel tempo vi sono stati uomini dotati di eccezionale saggezza e di straordinarie capacità percettive che hanno scrutato il grande orizzonte di questo vostro mistero, riuscendo, spesso, ad individuare il sottile sentiero della verità pura.

Le loro opere, frutto di puro amore alla filosofia cosmica, fiorirono, ma quasi sempre finirono contro la solida muraglia dell’incomprensione più densa e più negativa.

Cosa non succede in questo vostro tempo per non poter giustificare gli atti del passato?

Anche oggi, gli scienziati terrestri credono di conoscere molto su questo argomento, e in realtà sanno poco o quasi niente.

Vi è stato qualcuno che ha sfiorato la verità, ma poi hanno dovuto desistere per il timore di essere deriso e perseguitato.

La verità è che gli Avi, i primi abitatori di questo vostro pianeta NON sono nati sulla terra, ma ben diciamo ci sono venuti, e per un caso del tutto particolare ci sono rimasti per forza maggiore.

È quindi vero che l’uomo non è nato su questo vostro pianeta né ha avuto quel processo evolutivo che ancora molti scienziati si ostinano a credere, ad affermare ed a far credere.

Egli, prima di subire il processo di quegli effetti che dimensionarono e determinarono le nuove necessarie strutture fisiologiche, sino a divenire un complesso di densa materia, era un principe incontrastato degli spazi cosmici e per le sue particolari caratteristiche psico-fisiche-biologiche, possedeva le virtù e le conoscenze della più evoluta Coscienza Cosmica.

D.: Quali furono le cause che costrinsero i nostri Avi a rimanere su questo pianeta?

R.: Esistono delle Leggi che non è assolutamente possibile contrastare.

L’Universo a cui voi e noi apparteniamo, vive e si sviluppa attraverso varie e svariate dimensioni.

Anche sul vostro pianeta tali dimensioni si avvicendano e a vostra insaputa producono quelle cause che sono la matrice di tutti quegli effetti che edificano e modificano le varie strutture fisico-psichiche.

Spesso, come sta succedendo nell’attuale tempo con le esplosioni nucleari, l’essere intelligente si crede in pieno diritto di attentare a quelle Leggi, che come abbiamo già detto, non consentono a qualsiasi tipo di intelligenza di essere violate.

Quelle Leggi, che governano e tutelano le strutture e la vitalità del Corpo Cosmico e che fanno intimamente parte di quel principale complesso eterno creativo, che si identifica con la maestosa figura del Padre Creativo, hanno reagito al tentativo di essere violate.

Un terribile caos di natura cosmica si era scatenato con violenza mortale. La legge interveniva per dare severo ammonimento ai profanatori di cose eterne.

In verità, questa è stata la principale causa che costrinse i vostri Avi ad emigrare in altri mondi, in cerca di salvezza e di pentimento per ciò che avevano osato fare.

Le loro perfette cognizioni scientifiche consentirono loro di varcare il grande sconfinato oceano dello spazio e di raggiungere l’attuale sistema solare. In verità fecero in grande quello che Noè realizzò in piccolo.

Il vostro pianeta offrì loro ben poca possibilità di sopravvivenza, data la giovane irruenza degli elementi ancora in stato di assestamento.

Le immense navi dello spazio si adagiarono nelle estese e verdeggianti pianure della terra, in attesa di miglior consiglio.

Migliaia di piccole isole volanti si erano posate a gruppi in vari punti della terra.

I loro Capi Conduttori erano quattro ed ognuno di loro rappresentava la volontà collettiva delle anime delle quattro razze: la bionda, la nera, la gialla e la rossa.

Altre numerosissime navi spaziali si erano dirette in altri pianeti dello stesso sistema solare ed erano in perfetto collegamento.

Ad un certo punto l’attesa divenne fatale.

Un tremendo tremore fece vibrare tutta la terra, provocando il completo disfacimento di tutti i mezzi e la morte.

I sopravvissuti allo spaventoso cataclisma fuggirono come impazziti, mentre altri perivano miseramente nel groviglio del fuoco e degli elementi.

Pochissimi mezzi erano riusciti, malgrado tutto, a sollevarsi per poi allontanarsi rapidamente verso le profondità abissali dello spazio, portando con sé l’immagine terrificante della distruzione e della morte.

Ecco, in brevissima sintesi, il perché ed il come gli Avi vostri rimasero sulla terra e quali sono stati, in realtà, i moventi e le cause che li costrinsero a subire forzata e tragica residenza.

D.: Quale fu la immediata sorte che hanno dovuto affrontare i sopravvissuti?

R.: La sorte fu terribile e piena di dolorose vicende, ma non per questo decisamente determinate ad estinguere la loro vitalità e il loro desiderio di sopravvivere.

Subirono una lenta metamorfosi in tutte le loro originarie caratteristiche bio-fisiche-psichiche e, attraverso il tempo la materia edificò un piano dimensionale di adattamento all’ambiente con la formazione di strutture esteriori valide e sufficienti a sostituire in pieno le funzioni degli organi originari.

Se provate a soffermarvi, con assoluta sincerità orientativa, su tutti gli organi esteriori che costituiscono il vostro attuale corpo fisico, siamo certissimi che riuscirete a comprendere sino in fondo e con assoluta e chiara cognizione di causa la perfetta relazione di operosità e di intesa che esiste con tutti quegli organi che, originariamente esteriori, sono divenuti, per indispensabile tutela, interiori.

Ciò non mutò affatto né ha mutato ancora i poteri direttivi e le loro istruibili capacità originarie.

Moltissimo tempo fa, questi vostri Avi possedevano ancora la capacità di comunicare a grandissime distanze, tramite il potere (un potere percettivo extrasensoriale) telepatico.

Conservarono ancora per moltissimo tempo le profonde cognizioni del sapere, anche se la nuova dimensione lentamente li aggrediva in modo inesorabile.

Poi il tempo delimitò definitivamente la nuova personalità, legata ormai alle cause ed agli effetti di una dimensione estremamente diversa, per poter conservare ancora la totalità delle loro qualità originarie.

Così avvenne il principio della grande e dura esperienza della materia, di quella materia, che ancora oggi racchiude e serra in una struttura omogenea e forte, la vostra vera personalità, la migliore che mai sia esistita sulla terra.

D.: Quali furono le cause che costrinsero i nostri primi Padri a non conseguire più una rapida evoluzione nella nuova dimensione?

R.: I motivi furono molteplici, ma la principale causa che negò a loro una rapida e costante ripresa evolutiva, si imputava alla incostante stabilità del pianeta.

I disastri si susseguirono ad altri disastri di notevole portata distruttiva, riportando allo stato primitivo i progressi compiuti con tanto stoico sacrificio.

Negli altri pianeti la cosa fu del tutto diversa e l’evoluzione, seppur arretrata da altri eventi di diversa natura dimensionale, adattamento ambientale e consapevole preparazione all’evento della metamorfosi, e quindi alla scientifica accettazione della nuova struttura bio-fisica-psichica, avvenne senza interruzione.

D.: Per quanto tempo durarono le relazioni mentali tra i vari gruppi sparsi sulla superficie terrestre di allora?

R.: Le relazioni durarono ancora per moltissimo tempo, sino a quando un lento e progressivo assopimento delle capacità percettive e comunicative extrasensoriali, cominciò a manifestarsi.

L’intervento violento e continuo delle fortissime emozioni, aveva enormemente influito nell’instaurare nel loro nuovo complesso psichico, un regime emotivo di spiccate qualità brutali.

D.: Quale fu la razza che ebbe maggiore capacità iniziale nel campo delle reminiscenze, immediatamente dopo il compiuto processo della metamorfosi?

R.: La razza Gialla per prima e quella Bionda dopo ebbero un’ottima spinta iniziale, agevolata dal minore assorbimento di emozioni e dalla esigua irascibilità degli elementi naturali.

La razza Gialla ebbe per prima una vivace reminiscenza degli elementari istinti organizzativi dell’anima collettiva che caratterizzarono gli originali valori atavici.

Ciò agevolò, sufficientemente, lo stato evolutivo della nuova dimensione.

Quella Rossa dopo e per ultima quella Nera, dovettero affrontare una fortissima resistenza dovuta agli elementi in continuo spettro apocalittico che premeva in senso negativo sul fragile complesso psichico appena formatosi nella nuova dimensione.

D.: Quale fu la razza che per prima concepì, nella nuova dimensione, la Forma Eterna e Creativa dell’Ente Supremo?

R.: Certamente vi potrà sembrare assurdo credere che la razza Rossa è stata la più sensibile in questa particolare attività di reminiscenza spirituale, eppure è vero, la razza Rossa rappresentava il ceppo originario più vicino e più cosciente in questo tempo.

I loro primi Padri, coloro che per primi videro la luce in questo vostro pianeta, conoscevano già la natura di questa Forza Creativa in tutti gli aspetti dimensionali, così come la conosciamo oggi noi.

Questa verità fu tramandata per forza mentale ai nascituri dell’anima collettiva di quel ceppo e per lunghissimo tempo, i posteri, ne ebbero chiara e veneranda Coscienza.

D.: Che cosa era per loro quello che è Dio per noi?

R.: Era lo stesso Dio concepito nelle sue molteplici manifestazioni.

Era quel Dio che compenetra ogni cosa e che è l’Anima Eterna di ogni cosa.

Loro ben sapevano che senza di Lui, nessuna cosa sarebbe mai esistita nel tempo e nello spazio.

Per loro Dio era la causa eterna di tutte le manifestazioni, in tutte le dimensioni.

Nella vostra dimensione Egli è come un apparente e grande globo di Fuoco e di Luce.

Ancora a voi non è dato conoscere la Sua intima Natura, ma gli antichi vostri Padri la conobbero e per moltissimo tempo ne adorarono la potenza e la giustizia.

Questo era il loro Dio, quello che ancora non ha cessato di amarvi e di darvi il pane ed il vino.

Senza domanda:

Noi conoscevamo sin da remotissimo tempo che anche su questo vostro Pianeta si era avverata una radicale metamorfosi degli esseri tragicamente imbrigliati dagli apocalittici eventi dell’allora giovanissimo pianeta, permettendone la sopravvivenza.

Così parlerebbero a voi i nostri antenati, fratelli vostri. Infatti, loro sapevano tutto e non potevano fare nulla a causa del loro stato dimensionale in radicale mutamento.

Poi, si verificarono le reminiscenze, grazie alla tranquilla parentesi di tempo che intercorse tra l’assopimento per effetto della metamorfosi dimensionale, e l’inizio del risveglio psichico nella nuova dimensione.

Circa centomila anni orsono, i nostri Padri, raggiunto un altissimo livello evolutivo, grazie alla serena e continua attiva reminiscenza in tutti i campi dello scibile Universale, decisero di intraprendere un primo e lungo viaggio spaziale avente per meta diversi pianeti del sistema solare, compresa la terra.

Loro, come noi, ebbero dai loro primi Padri la storia del grande passato ed erano certi che anche sulla terra qualcosa era successo anche ai loro fratelli tragicamente costretti a rimanervi.

Ciò in verità avvenne e siamo felici di affermarvi ancora una volta, che sono stati appunto i nostri primi Padri ad iniziare, dietro consenso Divino, una scrupolosa ed attenta opera di osservazione, adoperandosi in veste di DEI o di Spiriti del Cielo, al fine di provocare in quelle povere ed infelici creature, quei necessari stimoli atti a promuovere le reminiscenze migliori.

Noi, conserviamo in Solex e molto caramente tutti i particolari delle loro imprese che, ancora oggi, ci confermano la durezza dei loro compiti e dei loro sacrifici.

I nostri Padri vi direbbero ancora: allora trovammo i nostri simili estremamente logorati e abbrutiti in tutti i sensi.

Il continuo ed incessante sconvolgimento delle apocalittiche convulsioni del pianeta ancora in stato di assestamento nella sua natura cosmica, aveva reso impossibile una rapida ripresa della coscienza nella nuova dimensione.

Gli urti tremendi nella ancor giovane psiche e le continue interruzioni nel corso progressivo verso una meta evolutiva avevano provocato alcune anomalie pericolosissime.

Alcuni, pur conservando, in parte, alcune caratteristiche esteriori ancora in stato latente, a causa delle continue pressioni psico-emotive di natura emorragica , perdettero per sempre, per avvenuto ibrido disfacimento, il potere di reminiscenza (razza delle scimmie).

Avevano compreso tutto il loro tragico destino e dovevano innanzitutto non far comprendere il nostro.

Così ebbe inizio una grande ed attiva opera di assistenza spesse volte in maniera strana e dogmatica, ma pur sempre efficace e producente.

Sapevano che i loro istinti non potevano esaurirsi in breve tempo e sapevano altresì che dovevano forzare la coriacea insensibilità che si era formata in alcuni organi interiori di particolare importanza evolutiva.

Avevano la certezza che, con l’aiuto della Forza Creativa del Padre Eterno, saremmo riusciti a portar loro sulla giusta via.”…Eugenio Siragusa«

—————————————

I Loro messaggi vanno preservati e trasmessi con genuinità.

La Loro Missione è sempre più difficile.

Non sono qui per dare spettacolo, sono qui in veste di vigilanti, osservatori, custodi, “ i giardinieri del Cosmo”.

L’Uomo non è mai stato lasciato solo..

La Genetica GNA va preservata..la Loro grande preoccupazione è l’Harbar..per assumere i valori delle Leggi indispensabili per la Salvezza( Giustizia, Pace e Amore Universale), bisogna subire una mutazione al livello della coscienza..attualmente c’è una genetica istintiva..

Bisogna accogliere il duplice aspetto negativo e positivo di quello che succede, oramai è tutto normale, la guerra è normale, le pandemie normali, i cataclismi normali, il padre contro il figlio, il figlio contro il padre…

Loro sono qui per evitare una catastrofe cosmica e ricordare all’Uomo il ruolo importante del Pianeta Terra, che, se viene messa in pericolo , potrebbe scatenare l’effetto domino ..e mettere a rischio l’intero Creato…non permetteranno questo!

Ora stiamo raccogliendo il frutto di tutta quella storia che è stata preannunciata dalle profezie…

Bisogna ravvedersi e Vivere il Loro Messaggio !

È utile ricordare i tre aspetti fondamentali che il Centro Studi Eugenio Siragusa mette in pratica:

La Verità non si vende, non si compra !

La Qualità, non la Quantità!

Beati coloro che credono , senza vedere e senza toccare!”

Trascrizione a cura di,

Isa del Sole

per il Centro Studi Eugenio Siragusa

25 Agosto 2022

Publicado en Sin categoría

COP27 – La Scelta è solo Nostra…

di Haton Bongiovanni

Sono passati più di 30 giorni da quando Filippo Bongiovanni è passato a miglior vita e siamo sicuri che avrebbe scritto alcune parole sulla COP 27, la 27° Conferenza Mondiale delle Nazioni Unite sul cambio climatico del 2022.

Questa Conferenza è più importante come non mai perché si affrontano temi molto delicati. La questione più importante è sul tavolo da almeno trent’anni, e finora gli Stati Uniti e l’Unione Europea hanno bloccato qualunque discussione al riguardo: i principali responsabili della crisi climatica temono di dover affrontare richieste di risarcimento potenzialmente illimitate. Ma la pressione dei paesi in via di sviluppo è diventata troppo forte: una conferenza organizzata in un paese africano non poteva evitare l’argomento. Questo sviluppo potrebbe inaugurare una nuova fase nella diplomazia globale sul clima, perché certo sui soldi non si scherza, ma con la salute del pianeta si.

L’evento mondiale potrebbe aprire una frattura insanabile nella comunità internazionale, oppure portare finalmente a una soluzione della crisi climatica.

Finora i paesi ricchi non hanno voluto quantificare i danni subiti da quelli poveri a causa del cambiamento climatico globale. Ma, in occasione della conferenza in Egitto, i toni del dibattito sono cambiati. I danni causati dal riscaldamento globale colpiscono tutto il pianeta, ma gli effetti sono più disastrosi nei paesi in via di sviluppo, che non hanno i mezzi per affrontarli e limitarli. Secondo un recente rapporto dell’Ong Oxfam, dal 1991 ogni anno una media di 189 milioni di abitanti dei paesi poveri è colpita da eventi climatici estremi. È un fardello in più per stati che sono già pieni di debiti. Allo stesso tempo questi paesi sono i meno responsabili delle perturbazioni del clima, perché hanno prodotto e tuttora producono meno emissioni. I paesi del sud pretendono giustizia!!!

Alcuni scienziati hanno stimato che saranno tra i 290 miliardi e i 580 miliardi di dollari all’anno entro il 2030, e fino a 1.700 miliardi di dollari all’anno entro il 2050. E questo calcolando solo le conseguenze sulle economie dei paesi in via di sviluppo. I paesi ricchi devono capire che le ricadute sono globali, non locali. Finora i paesi ricchi hanno continuato a respingere le richieste di aiuti economici, portate avanti dal 1991 dai piccoli stati insulari, per i quali la crisi del clima è una questione di vita o di morte.

Nel 2009, alla conferenza sul clima di Copenaghen, i paesi ricchi promisero di donare cento miliardi di dollari all’anno ai paesi poveri per interventi di adattamento alla crisi climatica. A oggi, rivela il Guardian, i principali produttori di gas serra (Stati Uniti, Regno Unito, Canada e Australia) non hanno versato la loro parte. Il debito maggiore è quello degli Stati Uniti: in rapporto alle loro emissioni, dovrebbero pagare quaranta miliardi di dollari, ma nel 2020 ne hanno versati appena 7,6.

Ricordiamo che dallo scoppio della Guerra fra Russia e Ucraina i paesi dell’ Occidente hanno finanziato Kiev cosi: Usa con quasi 45 miliardi di dollari (cosi suddivisi: 25 mld in armamenti, 9,2 mld di aiuti umanitari e  10,3 mld di aiuti finanziari) Regno Unito con 4 miliardi in armamenti, Germania con 1,2 miliardi di armamenti,  Polonia con 1,8 milardi di armamenti, la Francia di Emmanuel Macron (che da anni predica «l’autonomia strategica» dell’Europa per fare a meno degli Usa in campo militare) si è limitata a 233 milioni di euro ed infine l’Italia all’ultimo posto con 150 milioni di Euro (dati del Kiel institute for world economy – Ifw ).

Una domanda: se sommiamo sopra citati, con quasi 55 miliardi di dollari non si potrebbe incominciare a fare qualcosa per cambiare la situazione del nostro pianeta o aiutare i paesi nel sud del mondo colpiti dal riscaldamento globale? Ma continuiamo. Secondo un documento uscito poco prima dell’inizio della conferenza Cop27 a Sharm el Sheikh, in Egitto, solo cinque paesi (Giappone, Italia, Paesi Bassi, Norvegia e Svezia) hanno aumentato i loro contributi tra il 2021 e il 2022. In particolare, l’Italia ha creato un fondo per il clima da 840 milioni di euro all’anno, per il periodo 2022-2026.

L’occidente deve chiedersi quanto vuole essere stupido. I profitti a breve termine sono ancora la priorità?

Per anni i paesi industrializzati dell’occidente, e più di recente molti paesi emergenti, sono rimasti a guardare mentre i gas serra si accumulavano nell’atmosfera e la Terra si riscaldava, fino a toccare 1,15 gradi in più rispetto all’era preindustriale. Questi dati sono stati già stati anticipati dal Rapporto del IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) del 2021 dove si afferma chiaramente che non c’è più tempo ed abbiamo già oltrepassato il punto di non ritorno.

Gli effetti sono già devastanti, e il mondo è destinato a scaldarsi molto di più. Allo stesso tempo le società hanno accettato passivamente che i responsabili si arricchissero a dismisura. Nel secondo trimestre del 2022 le sei principali aziende petrolifere hanno registrato 57,2 miliardi di euro di profitti. In tre mesi!!!

Il riscaldamento del pianeta va avanti a un ritmo e con un’ampiezza inediti, scrive Le Monde. Nel settembre 2022 le temperature sono state in media più alte di 1,11 gradi centigradi rispetto a quelle dell’era preindustriale. Gli ultimi otto anni sono stati i più caldi mai registrati. Come ha ricordato anche l’ultimo rapporto sulle emissioni del Programma
delle Nazioni Unite per l’ambiente, i progressi fatti nella riduzione delle emissioni di gas serra sono insufficienti e, per come stanno oggi le cose, il pianeta è condannato a un aumento di 2,6 gradi entro la fine del secolo. Anche a livello di concentrazione di anidride carbonica, un gas a effetto serra che favorisce il riscaldamento dell’atmosfera, abbiamo raggiunto i livelli più alti degli ultimi due milioni di anni. Intanto gli oceani assorbono circa il 90 per cento del calore in eccesso prodotto sulla Terra, a un ritmo di 4 zettajoule all’anno, l’equivalente dell’energia sviluppata da 127 mila centrali nucleari.

Tgcom24 Allarme Unesco Scompaiono i Ghiacciai 03 11 22

Tg5 Ghiacciai Polari verso la Scomparsa 15 09 22

Tutta la situazione in cui ci troviamo sia dal punto di vista climatico, che dal punto di vista politico – economico sociale fu anticipata in tempi non sospetti dalle Intelligenze Extraterrestri attravero i comunicati trasmessi ad Eugenio Siragusa:

IO E LORO IN CONVERSAZIONE IL 2 OTTOBRE 1981

SECONDO LE INDAGINI EFFETTUATE DAGLI AMICI COI QUALI SONO IN CONTATTO, LA TERRA RISCHIA DI SUBIRE UN LIEVE OSCILLAMENTO CON CONSEGUENZE CATASTROFICHE.

IL GEOIDE POTREBBE ESSERE INVESTITO DA UN FORTE FLUSSO DI MAGNETISMO ANOMALO CON LA CONSEGUENTE OSCILLAZIONE SUL PROPRIO ASSE.

SECONDO ALI,

GLI OCEANI E I BACINI VERREBBERO SCONVOLTI PROVOCANDO ONDE GIGANTESCHE ALTE SINO A 175 METRI E CON POTERE DI PENETRAZIONE SULLA SUPERFICIE TERRESTRE DI DIVERSI KILOMETRI.

LE COSTE VERREBBERO SOMMERSE SUBENDO L’URTO TITANICO DELL’ENORME MASSA D’ACQUA CHE POTREBBE RAGGIUNGERE L’ALTEZZA DI 700-800 METRI PER UNA PROFONDITà DI 30-40 KILOMETRI.

L’OSCILLAMENTO DOVREBBE ESSERE DI POCA DURATA MENTRE GLI EFFETTI SI ESAURIREBBERO MOLTO PIU’ TARDI.

IL FLUSSO E IL RIFLUSSO DELLE MAREE SUBIRANNO GRADATAMENTE UN RALLENTAMENTO SINO AL RAGGIUNGIMENTO DEL NORMALE ASSESTO.

LE CONSEGUENZE…? FACILMENTE IMMAGINABILI.

Eugenio Siragusa

HOARA COMUNICA:

L’ANELLO MAGNETOSFERICO DEL VOSTRO PIANETA È IN PRECARIA INSTABILITÀ. COME GIÀ VI HO ACCENNATO, ABBIAMO REGISTRATO UN ANOMALO OSCILLAMENTO DELL’ASSE MAGNETICO SU CUI RUOTA LA TERRA RILEVANDO FUGHE E RIENTRI IN DIREZIONE SUD-SUD OVEST.

VI È IL PERICOLO DI UNA FUGA SENZA RITORNO DI 45 GRADI AD OVEST-SUD OVEST. SE L’INCLINAZIONE VENISSE ULTERIORMENTE SOLLECITATA DALLE VIBRAZIONI SCATENATE DA ESPERIMENTI NUCLEARI IN SUPERFICIE E NEL SOTTOSUOLO, DIVERREBBE IRREVERSIBILE LO SPOSTAMENTO DELLE ATTUALI CALOTTE POLARI CON INCALCOLABILI CONSEGUENZE CATASTROFICHE PER IL CONTINENTE EUROPEO E NORD AMERICANO.

L’ALTRO ASPETTO PIÙ DEVASTANTE POTREBBE INTERESSARE L’INTERO GLOBO A CAUSA DEL CONSEGUENTE DISGELO DEI GHIACCIAI POLARI CON L’INEVITABILE INNALZAMENTO DEGLI OCEANI.

VI ABBIAMO A SUO TEMPO PROSPETTATO LA PERICOLOSITÀ POSTUMA DEGLI ESPERIMENTI NUCLEARI EFFETTUATI NELL’ATMOSFERA. LE NOSTRE PREVISIONI SI STANNO RIVELANDO ESATTE.

NON AVETE VOLUTO ASCOLTARE. ORA I GUAI SARANNO VOSTRI.

HOARA SALUTA

Nicolosi, 15 gennaio 1985.

Ore 15:00

Ed ancora:

I GUAI CRESCENTI DEL CONTO ALLA ROVESCIA: PESTILENZE, HARBAR (PESTE DEI NEURONI DEL CERVELLO), DISSOCIAZIONE PROGRESSIVA DEI VALORI SOCIALI, MORALI, SPIRITUALI E CAOS IPERCAOTICO CON SCONTRI SELVAGGI SANGUINARI E VIOLENTI. GHIACCIAI IN FASE DI SCIOGLIMENTO TRASCINERANNO LE MONTAGNE A VALLE.

GLI OCEANI SI INNALZERANNO MINACCIOSI. IL FUOCO, L’ACQUA, L’ARIA E LA TERRA SI SCUOTERANNO IN OGNI DOVE. IL MAGNETISMO ANOMALO CAUSERÀ DISQUILIBRI NEI MEZZI DI TRASPORTO IN ARIA, IN ACQUA, IN TERRA.

L’AMICO DELL’HOMO:

EUGENIO SIRAGUSA

Nicolosi, 3 settembre 1987

La scelta dell’uomo è sempre la guerra… non è la pace, ne la prosperità…

La domanda da farsi adesso è questa: che mondo lasceremo alle prossime generazioni? I nostri figli avranno la possibilità di vivere un mondo milgliore o li stiamo consegnando ad un destino catastrofico ed inesorabile, dovuto alla nostra indifferenza e stoltezza…

Cosa possiamo aggiungere, se solo l’umanità avesse ascoltato adesso non si troverebbe in questa situazione. «Siamo passati dal punto iper-critico a quello iper-caotico», ma la speranza è sempre l’ultima a morire!

La scelta, come sempre, è solo nostra…

Per il Centro Studi Eugenio Siragusa

Haton Bongiovanni.

Publicado en Sin categoría

Quella di Ognissanti è una festa di speranza…

Quella di Ognissanti è una festa di speranza:

…l’assemblea luminosa dei nostri fratelli… la parte eletta del popolo di Dio che ci richiama il pensiero alla nostra meta e alla nostra missione vera…

Festeggiare tutti i «santi» è come ammirare tutti coloro che già posseggono l’eredità della gloria eterna…

Sono i fratelli maggiori che il Cielo ci manda in tutti i tempi come modelli ,….sono tutti coloro che hanno accettato di incontrare Gesù, rinunciando al loro ego, alle debolezze, che nelle loro sofferenze,hanno scelto lasciarsi incendiare dalla fiamma dell’Amore più grande di tutti gli amori …

Accompagnati da Maria, la loro Regina , Colei che instancabilmente li ha seguiti e portati a questa gloria divina…Presenza costante,tesoro inestimabile…che gli ha colti nel suo abbraccio di pace e gli ha portati alla Casa del Padre…

“Conservatevi integri nel Mio Divino Amore”

Presto siederete tutti accanto a me per ricevere il Dono Celeste del Padre mio.

Il Fuoco Divino vi cingerà di beatitudine per la vostra e la mia Gioia.

Non temete ed abbiate Fede, perché è vero che manterrò le mie Promesse.

Il Santo Spirito aleggia su di voi e ristora le vostre fatiche e gli affanni che vi procurano coloro che hanno preferito rifiutare le
Celesti Grazie.

Gioite e rallegratevi e mai si turbino i vostri cuori.

L’Aura mia è costantemente nell’Aura vostra per rifocillarvi e darvi viva speranza nei cuori.

Vogliatevi bene e le vostre mani siano sempre congiunte con Spirito di Fraterna Benevolenza e di reciproca Carità.

Siate sempre una sola cosa affinché il Cristo si rallegri con il Padre di essere anche loro una sola cosa con voi che vi hanno amati e vi amano.

Gli Angeli Consolatori vi sono sempre vicini e guardano i vostri passi.

Sia sempre fortificato il vostro Spirito e non disperate, perché il tempo del Padre viene.

DAL CIELO ALLA TERRA
4 Settembre 1979 ore 11,40

EUGENIO SIRAGUSA

Siamo nelle mani del Signore!

Per sempre, uniti nella Sua Luce!

Isa del Sole
1 Novembre 2022

Per il Centro Studi Eugenio Siragusa

Publicado en Sin categoría

Riportiamo quanto ricevuto …

Per Isa del Sole

XXIX D.A Martedì
Vigilanza per la venuta di Cristo

Lc. 12, 35-38
IV, 1001- 4
IX, 159- 60

  • Bisogna vigilare nell’attesa della venuta di Cristo:
    / sia singola: nel giorno della morte e susseguente giudizio particolare
    / sia universale: nel giorno del giudizio universale( IX, 159)
    (“siate sempre pronti come chi è in procinto di viaggio o in attesa del padrone.
    Voi siete servi del Padrone Iddio.
    Ad ogni ora vi può chiamare dove Egli è o venire dove voi siete( Lc. 12; IV, 1002)
  • Come?
    *con il distacco dalle ricchezze o almeno dall’affetto disordinato alle ricchezze
    (“vendete i vostri beni, fatene elemosina se siete soli ;o se non potete sacrificare le ricchezze di denaro ,se siete sposati ,non è giusto levare il pane ai figli alle spose ;sacrificate le ricchezze di affetto .(Lc. 12 ; IV, 1001 – 2)
  • con la fede
    (“ siate sempre pronti e con la cintura della verità ai fianchi” Lc 12 ;Ef 6)
    *con la speranza
    (“ siate simili a coloro che aspettano il padrone quando torna dalle nozze , per aprirgli la porta subito, appena arriva e bussa “ Lc 12)
  • con la carità
    (“ siate sempre pronti …con le lucerne accese “ Lc 12)
    *con la preghiera
    (“vegliate e pregate , stando sempre preparati alla Venuta” Mt 24; IX; 159)
    Vigilare , p. Improvvisa è la sua Venuta!
    (“tenetevi pronti , p. il Figlio dell’uomo giungerà quando meno uno l’aspetta” Lc 12; IV; 1003)
    N.B.
    Se sapremo essere vigilanti l’incontro con Gesù sarà una festa che non finirà mai !
    (“ beati quei servi che il Padrone, arrivando , troverà vigilanti!
    In verità , per ricompensarli dell’attesa fedele, Egli si cingerà la veste e fattili sedere a tavola , si metterà a servirli” Lc 12; IV, 1002)
    Altrimenti sarà una severa punizione!
    (“ ma se quel servo dice: oh, bene! il Padrone è molto lontano e mi ha scritto che tarderà a tornare; perciò io posso fare ciò che mi pare , e poi quando penserò prossimo il suo ritorno, provvederò!…”
    E comincerà a mangiare e a bere fino ad essere ubriaco e a dare ordini da ebbro; e poiché i servi buoni a lui sottoposti si rifiuteranno di eseguirli per non danneggiare il Padrone ,si da a battere servi e serve fino a farli cadere in malattia e languore.
    Ma che avverrà a quel servo ?
    Gli avverrà che il Padrone giungerà quando meno egli se lo aspetta, magari sorprendendolo nell’atto di intascare denaro , o di corrompere qualche servo fra i più deboli .
    Allora – IO ve lo dico – il Padrone lo caccerà dal posto di intendente e persino dalle file dei suoi servi , p. Non è lecito tenere gli fedeli e i traditori in mezzo agli onesti “Lc 12; IV .1003)
  • N.B.in proporzione alla sua istruzione
    (“ e tanto più sarà punito , quanto più il Padrone prima lo aveva amato e istruito, p. chi più conosce la volontà e il pensiero del Padrone più è tenuto a compierlo con esattezza “Lc 12.IV.1003 )
  • Concl.: Non diciamo stoltamente : C’è tempo ! Questa notte non viene ! Poi mi pentirò!”
    Ma stiamo sempre all’erta!
    Da noi , dalla nostra vigilanza, dipende avere in Gesù il Giudice misericordioso, o inesorabile.(IV, 1002; IX, 160).

XXIX D.A.- Giovedì
Gesù il grande rivoluzionario dell’Amore( Lc. 12, 49- 53)IV, 1004

Gesù è il Grande Rivoluzionario dell’Amore!
(“ Io sono venuto a portare fuoco sulla
Terra .E che posso desiderare se non che si accenda ?
Perciò mi affatico e voglio vi affatichiate fino alla morte e finché tutta la Terra sia tutto un rogo di fuoco celeste!” Lc. 12; IV,1004)
E , mediante il suo Sacrificio d’amore fa dei suoi apostoli “ i missionari dell’amore”
(“io devo essere battezzato con un battesimo, e come sarò angustiato finché non sarà compiuto!
Non vi chiedete p.?
P.per il mio Sacrificio, potrò fare di voi dei “portatori del Fuoco “:degli agitatori che si muoveranno in tutti e contro tutti gli strati sociali per farne un’unica cosa: il gregge di Cristo” Lc 12; IV, 1004)

-N.B. Missione per nulla facile

(“ la mia elezione non è fresco riposo in un boschetto fiorito” IV, 1004)
/p.l’amore soprannaturale può essere rifiutato dagli uomini.
(“ credete che Io sia venuto a mettere pace sulla Terra ,secondo il modo di vedere della terra?
No , ma anzi sono venuto a mettere discordia e separazione , p., d’ora innanzi e fintanto che tutta la Terra non sarà un’unico gregge…
..di 5 che sono in una casa , 2 saranno contro 3, e sarà il padre contro il figlio e il figlio contro il padre, e la madre contro le figlie le figlie contro la madre , e le suocere e le nuore avranno un motivo in più per non intendersi” Lc 12; IV, 1004)

  • Concl . :
    Serviamo Gesù nell’amore!
    Ne vale la pena !
    Alla fine sarà Gesù che si cingerà la veste per servirci , e poi siederà con noi a un banchetto eterno, e sarà dimenticata fatica e dolore !(Lc 12;IV, 1002.1004).

L’AMORE

“Amore chiama Amore”

Ci Chiama.
Amore chiama Amore, mentre tutto muore sotto il nostro sguardo freddo e indifferente.
Amore chiama Amore, mentre l’anima si piega all’odio e si disseta di sangue.
Noi sentiamo questa voce che ci chiama, che ci invita all’Amore, alla Giustizia, alla Pace!
La sentiamo questa voce imperiosa e solenne e sappiamo chi è, che cosa vuole da noi.
Ecco perché siamo nella Verità perché sappiamo che ci chiede Amore, solo Amore, nient’altro che Amore.

Eugenio Siragusa
S. Maria La Stella, 13 Luglio 1971 ore 17,00

In Pace, Luce e Amore,
Isa del Sole
Per Centro Studi Eugenio Siragusa,
21 Ottobre 2022

Publicado en Sin categoría

Molti mi chiedono… e così rispondo… quarta parte.

-«I PRIMI SARANNO GLI ULTIMI E GLI ULTIMI SARANNO I PRIMI»
(Tratto dai vangeli)
Gli insegnamenti di Gesù dicono chiaramente che a chi ha ricevuto di più gli sarà “esatto” di più, ricordando la parabola dei talenti…
Nessun mistero, quindi deve essere presente nell’animo dello spirito di chi è chiamato a servire, quello che è divenuto più grande di lui…
Si illudono, coloro, se hanno il concetto, «basta far sapere», senza cogliere l’animo di chi deve recepire, non preoccupandosi di costatare se questo è avvenuto o meno…

-Scrivevo anni fa…

A gli amici studiosi e simpatizzanti:
Care anime, sappiate cogliere i segni e rispondete alla chiamata dei vostri nomi.
Mantenetevi integri e identificatevi nei valori psico-fisici spirituali che avete ricevuto…siate luce emanatrice propria e mai riflessa. Sappiate sempre cogliere i segni che si presentano durante la vostra vita, perché il Cielo potrebbe chiamarvi anche per un solo attimo e dovete essere sempre pronti a coglierlo per fare la sua volontà. Non cercate altrove quello che si trova dentro di voi, perché voi siete la luce del Suo Divino Amore, scisso in tante piccole parti, che compongono il Suo micro-macro Essere. Presentatevi al Suo cospetto, e di voi stessi, con i frutti della vostra semina, come segno del vostro fecondo lavoro. Siete esempio per la vostra stessa vita e per gli altri, e sappiate di essere osservati come riferimento ed esempio da seguire. Il momento più importante della storia dell’umanità è in seno a questo tempo. Voi che avete ricevuto le perle della Divina Conoscenza, destatevi per essere pronti e presenti alla fase finale del Glorioso Ritorno del Messia.

Il testimone dell’eterno presente
Filippo Bongiovanni
21 Aprile 2007


-Cosi infine Eugenio…come sempre chiarificatore e illuminante…toccando principalmente questi tempi…pieni di tribolazione…e di falsa illusione…

La Grande illusione.
“Avrei voluto che il messaggio affidatomi rimanesse limpido e privo di isterismi, di gelosie, di orgasmi passionali, di violenze psichiche e di interessi blasfemi.
Avrei voluto essere un mezzo e non un fine! Molti hanno confuso il messaggero con il messaggio, l’umano con il divino, il tempo con l’eternità, la vita con la morte.
Avrei tanto desiderato l’integrità delle anime desiderose di essere vivificate dalla Luce della Verità per essere sale e lievito del nuovo Regno promesso; invece ho dovuto essere spettatore sofferente di cerebrali e calcolati istinti di personali interessi, carichi di egoismo e di blasfeme velleità possessive.
Così l’Amore, il gigante Bene del mio spirito, si è rinchiuso nel mio cuore ferito e dolente. La grande illusione ha serrato le ali della verità costringendo mia anima a vagare nel silenzio e nell’attesa, nell’attesa di vedere il trionfo dei giusti aureolati di luce cristica e di Verità liberatrice”.
Giovanni dalla croce
Eugenio Siragusa
30, 08, 1980.


Il Testimone dell’Eterno Presente
Filippo Bongiovanni

Publicado en Sin categoría

Molti mi chiedono… e così rispondo…terza parte.

La foto delle nuvole risale per quello che sappiano nell’anno 2020

-La rivelazione messianica extraterrestre, non è un’alternativa per tutti coloro che desiderano riscattarsi dalla loro vita, condotta in una certa maniera, non è neppure un ‘occasione per far vedere che si possiedono determinati scritti o rivelazioni ricevuti da Eugenio Siragusa Padre Spirituale di tali perle…
Tale VERRITA’ è la più importante per ordine di grandezza, la più importante se possiede lo spirito dell’uomo, per raggiungere le mete spirituali…superiori …
Chi è toccato da tali sublimi concetti, sente l’imperioso bisogno ascensionale, di donare tutto, senza chiedere nulla in cambio, in quanto figlio-strumento, che non possiede nulla, ma è solo e solamente un mezzo per fare operare, la Volontà Superiore, di chi lo ha generato….non esiste nel codice genetico dello spirito risvegliato nel CREATORE, questo atavico sentimento, perché vola oltre la coltre delle nuvole…questi figli e figlie….sono temuti, perché hanno la lingua a doppio taglio, non soffrono condizionamenti, amano e personificano il coraggio, la lotta e l’azione e non sono cani muti…sono infine intraprendenti spiritualmente e assumono in ogni circostanza le proprie responsabilità ove viene richiesto…e non si sono affatto mai nascosti dentro gli indumenti di nessuno, meno ,in questo caso di Eugenio Siragusa…



A scanso di equivoci Eugenio diceva….e continuando a OSSERVARE dall’alto….ci ha lasciato detto:
Catania, 25 Ottobre 1952


IL SACRO CONVEGNO E I DISCORSI DELLA DIVINA SAPIENZA.
IL Rinato
Nel tempo Eugenio Siragusa.
“Non osate profanare una sola sillaba di ciò` che ho scritto”.
“CHE IO SIA VIVO O MORTO, RIMARRETE SCHIACCIATI DAL PESO DELLA DIVINA LEGGE DI DIO”.
-La genetica solare del III° millennio…ricordiamo quanto abbiamo testimoniato.
O LA TUTELATE LA GENETICA G.N.A., O LA PERDETE
LA GENETICA G.N.A. NON È DI QUESTO MONDO, ANCHE SE IN ESSO SVOLGE LA SUA ATTIVITÀ PER MISSIONE.
CRISTO EBBE IN CUSTODIA UN NUMERO PRECISO DI SPIRITI PORTANTI QUESTA GENETICA: 144.000.
“TUTTI TE LI HO CUSTODITI. NON TI CHIEDO DI TOGLIERLI DAL MONDO MA DI PRESERVARLI DALLE TENTAZIONI”.
CRISTO SI RIFERIVA A QUESTI SPIRITI VIVENTI CHE NON ERANO DEL MONDO, MA NEL MONDO, PRIMA ANCORA DELLA SUA DIVINA MISSIONE CHE GESÙ-CRISTIFICATO DOVRÀ PORTARE A TERMINE CON IL SUO PROMESSO RITORNO SULLA TERRA.
INFATTI, SONO COSTORO E QUANTI HANNO FRUTTIFICATO, COLORO CHE STANNO ANTICIPANDO L’ANNUNCIO DELL’ATTESA RIVELAZIONE DELL»UOMO-DIO” GESÙ.
E NON SOLO L’ANNUNCIO, MA ANCHE IL DISCORSO CHE ILLUMINA LE MENTI DI COLORO DESTINATI AL RISVEGLIO, ALLA CHIAMATA.
“IO PREGHERÒ PER COSTORO E PER TUTTI COLORO CHE CREDERANNO NELLA LORO PAROLA, PERCHÈ LORO, COME ME, NON SONO DEL MONDO”.
QUINDI È VERO CHE IL MIO INVITO È SERIO E RESPONSABILE. SPERO CHE ABBIATE PIENA COSCIENZA AL FINE DI RIMANERE INTATTI, INCORRUTTIBILI, INDISSUASIBILI.
Eugenio Siragusa
Nicolosi 30 aprile 1984

  • Severamente selezionati:

    HO SCRITTO IL 31 GENNAIO 1986:
    LE PROVE NON SARANNO ESENTI PER NESSUNO
    LE PROVE SERVONO A MISURARE L’INTEGRITÀ E LA CAPACITÀ DELL’INCORRUTTIBILITÀ. LA QUALITÀ NASCE E CRESCE ATTRAVERSO UNA SERIE DI TEST BEN PRECISI E MIRANTI A SCANDAGLIARE IL PROFONDO DEL NOSTRO IO.
    È IMPOSSIBILE NASCONDERE, MIMETIZZARE IL POTENZIALE NEGATIVO CHE SI DESIDERA, COSCIAMENTE O INCOSCIAMENTE, NASCONDERE. È INEVITABILE IL RIGETTO ATTRAVERSO METODOLOGIE INSOSPETTABILI, TRAMITE PROVE CAPACI DI ACCELERARE LA RIVELAZIONE DELLE ANOMALIE NASCOSTE.
    LA QUALITÀ DESIDERATA EMERGE TRAMITE UNA COSCIENTE PREDISPOSIZIONE NON PRIVA DI PROVE E CONTROPROVE, CHE SPOGLIANO LA QUALITÀ DALLE BLASFEME E DELETERIE INFLUENZE DELLA QUANTITÀ AVVIZZITA DALLE PIÙ ABERRANTI NEFANDEZZE FISICHE, PSICHICHE E SPIRITUALI.
    LE PROVE SERVONO A PRESERVARE IL DIRITTO DELLA SCELTA, LA LIBERTÀ DI VOLERSI CONSERVARE INCORRUTTIBILE ED IDONEO AD ENTRARE NELLA SFERA DI UNA SUPERIORE DIMENSIONE.
    CHI NON SI PREDISPONE AL SUPERAMENTO DEI TEST PROGRAMMATI, NON POTRÀ MAI ASPIRARE AD ESSERE IDONEO AL CONTATTO CON LE SUPERIORI FREQUENZE; NON LE SOPPORTEREBBE, LE RIGGETTEREBBE.
    LA SELEZIONE AVVIENE COSÌ, VAGLIANDO SCRUPOLOSAMENTE I PALESI E I NASCOSTI ISTINTI EMOTIVI DI CHI ASPIRA AD ENTRARE NELLE NUOVE FRONTIERE DIMENSIONALI.
    NON C’È DA STUPIRSI NÉ DA MERAVIGLIARSI SE MOLTI SARANNO COSTRETTI A LASCIARE LE MANI DALL’ARATRO O A VOLTARSI INDIETRO. LA CARNE È DEBOLE E LE DISSUASIONI SONO TANTE E SOTTILI. UN AMICO DELL’UOMO
    Eugenio Siragusa

    -Coloro che sono coscienti che sono i piani SUPERIORI a operare:
    Non impegnate le vostre energie su quanto non è, specificatamente, il vostro compito.
    Ad ogni missionario il suo lavoro. Sapete benissimo quale è il vostro e dovete svolgerlo secondo il programma che vi riguarda.
    Il battitore faccia il battitore e il potatore faccia il potatore. Sprecare energie per ciò che non è di vostra competenza non è utile né a voi né all’opera.
    Noi indirizziamo sul vostro sentiero coloro che non debbono essere rifocillati di pane materiale o di allegrezze sensoriali, bensì di pane spirituale e di sapienza ed allegrezza astrale.
    Desideriamo altresì ricordarvi che il vostro compito è, principalmente, quello di sensibilizzare sul piano animico quelle persone già predisposte dai nostri sondaggi e indirizzate in un preciso sito programmatico capace di sviluppare e praticare il senso dell’altruistica fratellanza e dei valori che la nutrono e la sostengono.
    Molti credono in una egoistica comunione, in una fratellanza superficiale, comoda e risolvente le perniciose condizioni della sola esistenza materiale. Essi si sbagliano ed anche voi, se sarete zelanti in questo senso. Il vostro compito, ripetiamo, sapete qual’è e su questo piano dovete impegnare le vostre energie.
    Pace. Adoniesis
    Nicolosi, 4 Agosto 1978.
    Ore 17:35

  • Meditare, dedurre, determinare :

    COMUNICAZIONE
    TI COMUNICHIAMO CHE ABBIAMO PORTATO A TERMINE LA SEGNATURA E QUANTO DOVEVAMO REALIZZARE SECONDO I PREDISPOSTI DISEGNI.
    ABBIAMO RILEVATO I GRAFICI MENTALI DI OGNI SINGOLA PERSONA E LE LORO EMOTIVITA’ PSICO-MOTORIE SONO STATE DA NOI PARTICOLARMENTE VAGLIATE LUNGO L’ARCO DI TEMPO CONCESSO AD OGNI SINGOLA ANIMA.
    MOLTI COMPLESSI SONO RIMASTI ATTIVI. POCHISSIMA LA FEDE. PROGRESSIVE INIBIZIONI SUI PIANI ANIMICI-SPIRITUALI. DISORDINI MENTALI. INCAPACITA’ NELLE PREDISPOSIZIONI AUTOREALIZZATIVE ED ESALTAZIONE DEI VALORI MATERIALI.
    I VARI SONDAGGI, EFFETTUATI ATTRAVERSO QUESTO TEMPO, SONO STATI FORTEMENTE DISTURBATI DA FORZE NEGATIVE IN OPPOSIZIONE, GENERANDO INTERVENTI OSTILI E PROPAGANDO INTERFERENZE DA PARTE DEI PIANI PNEUMATICI.
    CI SIAMO MOLTO RAMMARICATI PER LA MANCANZA DI SERIETA’ E PER L’INCAPACITA’ IN MOLTI DI ASSUMERE L’INDISPENSABILE VALORE SPIRITUALE, VALORE NECESSARIO PER POTER EDIFICARE I PRESUPPOSTI IDEALI PER UN PROFICUO COLLOQUIO CON LE NOSTRE COSCIENZE.
    NOI SIAMO DISPOSTI AD AIUTARE, MA NON SIAMO DISPONIBILI PER COLORO CHE CREDONO POTERSI TRASTULLARE CON TANTA FANCIULESCA INCOSCIENZA E FARNE UN GIOCO CHE RITENIAMO PERICOLOSO E CONTROPRODUCENTE ALLA RICERCA STESSA DELLA VERITA’.
    ABBIAMO APPALESATO ALLA TUA MENTE LE INCOERENZE E LE FALLE DEI LORO ATTI, AFFINCHE’ TU POTESSI RIMANERE GUARDINGO ED INTEGRO NEI TUOI PROPONIMENTI.
    OGNI TUA AZIONE E’ STATA GUIDATA DA NOI E IL RISULTATO NON SI E’ FATTO ATTENDERE A LUNGO.
    CI AUGURIAMO CHE ABBIANO LA FORZA ED IL CORAGGIO DI AUTORISVEGLIARSI, AFFINCHE’ LE LORO ANIME NON ABBIANO A CADERE TOTALMENTE NELLE SPIRE DI QUELLE FORZE CHE LORO STESSI CHIAMANO CON I LORO COMPLESSI E CON LE LORO INCAPACITA’ ANIMICO-SPIRITUALI.
    PER IL MOMENTO NULL’ALTRO DA DIRTI.
    LA NOSTRA ONDA E’ SU DI TE ED AGIRAI CONFORMEMENTE A QUANTO ABBIAMO ULTERIORMENTE DISPOSTO.
    DAL CIELO ALLA TERRA
    ADONIESIS
    SANTA MARIA LA STELLA
    14/06/1970 – ORE 16


    -Questo è quanto dovevamo ancora una volta dare testimonianza, in questo tempo.

    IL Testimone dell’Eterno presente
    Filippo Bongiovanni

Publicado en Sin categoría

Molti mi chiedono… e così rispondo…seconda parte…

-Una carenza che tocca da vicino, chi si arroga il diritto, credersi di essere insegnante e invece non è neppure alunno, e quindi facilmente vittima di questo tipo di scompenso cade facilmente nell’illusione di servire il prossimo e invece soddisfa se stesso, in esigenze ben precise…Viene in definitiva massaggiato nel suo ego, aspirato nel duplice aspetto fisico-psichico…fino a essere reso come una preda che serve a soddisfare e che deve far vivere chi deve riscattarsi… a secondo delle ben precise esigenze…

-Così Eugenio:

Vampirismo psichico

Hoara spiega: in questi ultimi secoli si è sviluppata una morbosa, quanto mai errata attività tendente ad istruire dinamismi psichici capaci di divenire mezzi coercitivi condizionanti.

Molti individui, psichicamente deboli, attuano, coscientemente o inconsciamente, un vampirismo psichico, stimolando in loro la impellente necessitò di caricarsi, a detrimento di coloro che spesso divengono strumenti dei loro bisogni.

l’assorbimento della psiche da parte di entità viventi o disincarnate, comporta un progressivo indebolimento psico-fisico e quindi inevitabili distonie neurologiche in quei soggetti particolarmente predisposti e facilmente coercibili.

In questo caso occorre che la parte condizionata si dissoci dalla forza mentale del condizionatore, isolandosi psichicamente e creando una barriera protettiva sufficientemente attiva e capace di impedire l’esercizio del vampirismo psichico da parte di chi coscientemente o inconsciamente, lo esercita con sistemi facilmente intuibili.

Esiste poi il vampirismo fisico che non è meno peggiore del primo.

Questo discorso lo riprenderemo.

Abbiate pace e fortezza spirituale. Hoara

Nicolosi, 20 Novembre 1978.

Ore 10:30

-L’altro aspetto…

Vampirismo fisico

Hoara spiega:

2ª parte

Uno dei vampirismi fisici più frequenti è il possesso della persona da cui si può trarre sicurezza, quando si è afflitti dall’insufficienza della propria personalità o quando turbe psichiche rendono la persona debilitata in inferiorità rispetto ad altri sufficientemente sicuri e personalmente forti.

Allora, il vampirismo fisico diviene indispensabile per quel tipo di soggetto, e cerca disperatamente di aggrapparsi, più che per amore, per impellente bisogno, a chi può disporre dei valori necessari da cui trarre, ricorrendo a sistemi violenti, il sostentamento che gli occorre.

La gelosia morbosa, il possesso snervante e quant’altro sviluppa tale imperioso bisogno, costringe spesso all’indebolimento fisiologico da chi si presta a questo tipo di vampirismo.

Il consiglio migliore, in questo caso, è quello di evitare che il soggetto perseveri nell’errore e di stimolarlo a realizzare la propria sicurezza affinchè si normalizzino i difetti resi ipertrofici e dannosi per sé e per gli altri.

Pace. Hoara

Nicolosi, 20 Novembre 1978.

Ore 16:55

-Domanda:

«Non capisco una cosa, come mai quando guardo in cielo e chiedo una manifestazione di qualche navicella, essere o entità, giusto per sapere che sono con me, non vengo accontentato? A loro fondamentalmente che cosa costa? So che c’è un motivo ma non riesco a dedurlo.»

-Risponde Adoniesis attraverso Eugenio:

PERCHE’ SIETE SEMPRE ALLA RICERCA DI PROVE.

Perché siete sempre alla ricerca di prove?

Perché quest’ansia, che alla lunga suscita grandi dubbi?

Ricordatevi : BEATI COLORO CHE CREDERANNO SENZA VEDERE E SENZA TOCCARE!

Non è sufficiente per voi, che ci amate, essere anche amati?

Noi comunichiamo tutti i giorni con voi, anche se questa certezza non arriva sempre ai vostri spiriti. Noi abbiamo il compito di guidarvi e rendervi capaci di comprendere la realtà che vi è intorno. Così come è la finalità della nostra opera verso di voi.

Lasciate i vostri affanni inutili e la ricerca delle sicurezze nella ragione. Dovete sentire e comprendere servendovi, principalmente, dei valori interiori e non dei valori razionali ed esteriori.

L’ esperienze non devono diventare azioni abituali, bensì devono rimanere nel circuito della conoscenza per fuggire dei dubbi che vi assalgono. Non rovinate la vostra energia con sintonizzazioni che, molto spesso, non sono costruttive.

Io vi prego, siate come i bambini, però coscienti e responsabili.

PACE.

ADONIESIS

Eugenio Siragusa

Marzo 1978

Il Testimone dell’Eterno presente

Filippo Bongiovanni

Publicado en Sin categoría

In molti mi chiedono…e così rispondo…

-Non siamo biblisti, ma in questi versetti, si rispecchia ciò che tra l’altro sta succedendo oggi…

«..Quanto vi dicono, fatelo e osservatelo, ma non fate secondo le loro opere, perché dicono e non fanno…»
Mt 23,1-12

«A chi ha, sarà dato; invece a chi non ha, sarà tolto anche quello che ha…»
“Fate attenzione a come ascoltate; perché a chi ha, sarà dato, ma a chi non ha, sarà tolto anche ciò che crede di avere”. La domanda è, allora: che cos’è che uno deve avere? Non certo il denaro, ma la disponibilità all’ascolto della parola di Dio, al desiderio di portare frutti di bene con la propria testimonianza di vita, impiegando i talenti ricevuti per amare gli altri, facendo dono di se stessi.
Luca 8,18

«Come avvenne nei giorni di Noè, così sarà nei giorni del Figlio dell’Uomo: mangiavano, bevevano, prendevano moglie, prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca e venne il diluvio e li fece morire tutti. Come avvenne anche nei giorni di Lot: mangiavano, bevevano, compravano, vendevano, piantavano, costruivano; ma, nel giorno in cui Lot uscì da Sodoma, piovve fuoco e zolfo dal cielo e li fece morire tutti. Così accadrà nel giorno in cui il Figlio dell’Uomo si manifesterà. In quel giorno, chi si troverà sulla terrazza e avrà lasciato le sue cose in casa, non scenda a prenderle; così, chi si troverà nel campo, non torni indietro. Ricordatevi della moglie di Lot. Chi cercherà di salvare la propria vita, la perderà; ma chi la perderà, la manterrà viva. Io vi dico: in quella notte, due si troveranno nello stesso letto: l’uno verrà portato via e l’altro lasciato; due donne staranno a macinare nello stesso luogo: l’una verrà portata via e l’altra lasciata»…
Vangelo (Lc 17, 26-37)

Nella confusione più totale, dove regna che tutti si sentono segnati-chiamati, portatori di verità, sia vecchi che nuovi di certi discorsi che hanno sostenuto e pensano di essere stati investiti, dopo aver girovagato ovunque pensando di trovare la strada giusta, questa volta, ritornando al punto di prima, commettono un grave errore: il primo di non essere stati onesti, con loro stessi e verso il prossimo, come se nessuno DALLE POTENZE CELESTI, si accorgesse delle loro intenzioni e il secondo, pensando di presenziare a qualche ritrovo, possono, dopo aver fatto tutto ciò che hanno voluto, avere il diritto di staccarsi il biglietto per entrare nella nuova dimensione superiore, e magari perché si trovano dinnanzi il nuovo soggetto designato di turno da cui bisogna pendere dalle labbra…essere sostenuti o raccomandati!
Ricordate: DA CHE PULPITO VIENE LA PREDICA..!
Dunque…No..! No..! No..! State perdendo, il vostro, ancora una volta tempo prezioso, state dando a chi tende queste trappole, l’opportunità di tentarvi, illudendovi di essere sulla strada giusta, senza fare il minimo sforzo di essere voi stessi, sacrificandovi per educare la vostra psiche, lo spirito per arrivare alle mete che servono per raggiungere l’idoneità auspicabile…per le dimensioni superiori…
Si è in definitiva esca di chi vuole riscattarsi a spese vostre…inducendovi in tentazione….dai frutti riconoscerete chi sono, dai frutti che date, sarete riconosciuti chi siete non siate complici…
Pensate, deducete, determinate..!

-Così Eugenio:

-“Sforzatevi di scoprire ciò che vi è nel vostro segreto.
La felicità si conquista con il dare e si perde con il possedere.
Quello che vi è stato donato, dovete scoprirlo, dovete farlo vostro ad ogni costo. Dovete scavare dentro di voi, anche se la sofferenza vi cinge e vi batte violentemente. Il dono di Dio non è una facile e comoda conquista. Se volete possedere il diritto di essere liberi ed illuminati dalla Verità, dovete prima di ogni cosa essere pieni di fede e sopportare, senza soffrire, il dovere a cui siete stati chiamati per spogliarvi dall’ignoranza ed essere pronti a dare voi stessi senza limiti e senza condizioni. Se la paura vi assale e da essa vi fate vincere, non scoprirete mai nulla. La fede è la linfa della speranza che vi precede e vi concede la forza necessaria per superare le prove di oggi e il raggiungimento della gioia di domani. Se oggi sarete forti, domani sarete meno deboli e sempre più fortificati nello spirito sino a scoprire ciò che anelate di conoscere per essere nella Verità e Liberi.
Pace, il Consolatore
Nicolosi, 8 gennaio 1977 ore 16,20

IL Testimone dell’eterno presente.
Filippo Bongiovanni

Publicado en Sin categoría

Viaggio nel cuore della Terra, Vita nell’Universo Macrocosmico?!

 IL nucleo interno,è la parte più calda del pianeta, e gli scienziati le hanno studiato i movimenti.

Questo nucleo, caldo quasi quanto la superficie del sole, è costituito principalmente da una lega di ferro e nichel. Se volessimo figurarcelo, dovremmo immaginare una sorta di palla solida con un raggio ci circa  1.220 chilometri.

 Fino a oggi, era noto che ruotasse in modo leggermente più veloce rispetto al pianeta nel suo insieme. Questo effetto si chiama super-rotazione. Ma, adesso, è in discussione.

Il Large Aperture Seismic Array ha analizzato delle onde atomiche e ha scoperto che il nucleo interno oscilla in velocità: il suo movimento, dunque, non è costante.

La rotazione non è sempre più veloce rispetto al resto del Pianeta. Nello specifico, ha cambiato velocità più volte nel corso degli ultimi sessant’anni. Cosa che, tra l’altro, spiegherebbe perché alcuni giorni sembrano durare di più rispetto agli altri.

Non solo. A quanto pare, il nucleo potrebbe anche cambiare la direzione di rotazione.

Cosa significano le oscillazioni?

 Considerando che gli studi di questa parte della Terra si sono intensificati solo negli ultimi trent’anni, le oscillazioni e il cambio di rotazione indicano che c’è ancora molto da fare e da capire riguardo a ciò che succede davvero al centro del pianeta.

I ricercatori, d’altronde, si basano su misurazioni indirette per spiegare lo schema, la velocità e la causa del movimento e dei cambiamenti.

 Non resta che aspettare che si risveglino tutti e capiscano la Verità…(Isa del Sole)

Cos’è un movimento ?

«Ermete: Una rivoluzione attorno a un punto è un movimento contenuto nella fissità.

Giacché la circolazione attorno ad un  punto impedisce il moto sopra di esso, e questo moto impedito è contenuto nella circolazione….Ogni movimento è dunque prodotto nella fissità e mediante la fissità… così il movimento del mondo  e di ogni  animale  materiale  non viene dal difuori ma è  prodotto  dal di dentro,  al di fuori  per mezzo dell’anima,  dello spirito o di qualche altro principio incorporeo.

Poiché un corpo non può  muovere quel che è animato e non può  neppure muovere un corpo inanimato…

Asclepio : il legno , la pietra,  e tutti gli altri corpi inanimati,  non sono essi motori?

Erm: Niente affatto, perché ciò che è al di là di dentro del corpo, ciò  che  muove l’oggetto inanimato non è esso il motore comune del corpo che porta e dell’oggetto portato?

Giammai un oggetto inanimato potrà muovere un’ altro oggetto inanimato.Ogni motore è animato poiché produce movimento.

A: Ma il movimento  deve essere prodotto nel vuoto..

Erm: Non c’è vuoto nell’universo.. tutto ciò  che tu credi vuoto è pieno d’aria, quindi dei 4 elementi..così gli oggetti che tu chiami vuoti bisogna chiamarli cavi poiché esistono e son pieni d’aria e di spirito.

A: Come chiamiamo il luogo dove si muove l’universo?

Erm: Incorporeo…L’intelligenza è la Ragione che si abbracciano e son libere dal corpo, prive d’errore, intangibili e che restano fisse in sé  stesse e contengono tutto, conservando tutti gli esseri; e quasi loro raggi sono il bene, la verità , il principio della luce, il principio  dell’anima.»

Dopo decenni:

DELL’ESISTENZA DEL MACROESSERE DI CUI NOI SIAMO PARTE COSTITUENTE, E DELLA ESISTENZA SUPERIORE IN CUI EGLI VIVE. (VOI SIETE A MIA IMMAGINE E SOMIGLIANZA.)

1) SI NOTANO FORME BIOLOGICHE NEL MACROCOSMO.

2) ANALOGIA FRA CELLULA-UOVO E NEBULA PLANETARIA.

3) ANALOGIA FRA SPERMATOZOO E COMETA.

4) ANALOGIA FRA LE SOSTANZE CINETICHE BIOLOGICHE E I CORPUSCOLI IRRAGGIATI ASTRONOMICI.

5) ANALOGIA FRA L’ACQUA BIOLOGICA E IL COSMOETERE ASTRONOMICO.

6) LA QUANTITÀ DI MOTO DEI PIANETI NON SONO TUTTE EQUIPARATE: E CIÒ INDICA VITA.

7) IL SISTEMA SOLARE VIVE PERCHÈ LA SUA QUANTITÀ DI MOTO NON È UGUALE A QUELLA DEI SINGOLI PIANETI.

8) IL SISTEMA TERRESTRE VIVE PERCHÈ LA SUA QUANTITÀ DI MOTO NON È UGUALE A QUELLA DELLA LUNA.

9) I SISTEMI DEGLI ALTRI PIANETI VIVONO PERCHÈ LA LORO QUANTITÀ DI MOTO NON SONO UGUALI A QUELLE DEI PROPRI SATELLITI.

10) LE QUANTITÀ DI MOTO DELLE STELLE NON SONO EQUIPARATE: PERCIÒ LA GALASSIA VIVE.

11) LE QUANTITÀ DI MOTO DELLE NEBULE DIFFUSE NON SONO EQUIPARATE A QUELLE DELLE STELLE, PERCIÒ LE NEBULE DIFFUSE SONO VIVE.

12) LE QUANTITÀ DI MOTO DELLE NEBULE PLANETARIE NON SONO EQUIPARATE A QUELLE DELLE STELLE, PERCIÒ LE NEBULE PLANETARIE SONO VIVE.

13) I SISTEMI NEBULOSI EXTRAGALATTICI VIVONO PERCHÈ LE LORO QUANTITÀ DI MOTO NON SONO EQUIPARATE A QUELLE DEI LORO COSTITUENTI.

14) GLI AMMASSI NEBULARI SONO VIVI PERCHÈ LE LORO QUANTITÀ DI MOTO NON SONO EQUIPARATE A QUELLE DEI LORO COSTITUENTI.

15) IL COEFFICIENTE DI SQUILIBRIO DEI MOVIMENTI ASTRONOMICI È SUPERIORE A UNO COME NEI MOVIMENTI BIOLOGICI.

16) NEL MONDO BIOLOGICO VI È SCAMBIO DI RADIAZIONI COME IN QUELLO ASTRONOMICO

17) ESISTENZA DI MATERIA CAOTICA NEL MONDO BIOLOGICO E IN QUELLO ASTRONOMICO.

18) ANALOGIA NELLA STRUTTURA FRA ASTRI E CELLULE.

19) STRUTTURA A SUPERFICI UNITE STACCATE DELLA MATERIA BIOLOGICA E DI QUELLA ASTRONOMICA.

20) ANALOGA COSTITUZIONE A GRADINI DI MOVIMENTI SOVRAPPOSTI TANTO DEL MICROCOSMO QUANTO NEL MACROCOSMO.

21) REAGIBILITÀ ELEVATE PER STRUTTURA TANTO NELLA MATERIA BIOLOGICA QUANTO IN QUELLA ASTRONOMICA.

22) L’ESPANSIONE O CRESCITA DELL’UNIVERSO ANALOGA ALLA CRESCITA BIOLOGICA.

23) LA LEGGE DELLA CRESCITA BIOLOGICA CORRISPONDE A QUELLA CHE REGOLA LA DILATAZIONE DEL MACROCOSMO.

24) ANALOGIA FRA FLUSSI NEBULOSI E FLUSSI BIOLOGICI, AMBEDUE MOVENTISI CON VELOCITÀ SUPERIORE A QUELLA DI CRESCITA.

25) L’ETÀ DEL MACROCOSMO DEDOTTA DALLA RADIOATTIVITÀ E DALLA CRESCITA DÀ LO STESSO ORDINE DI GRANDEZZA.

26) LA VEGGENZA DEI SENSITIVI DIMOSTRA L’ESISTENZA DI UN CERVELLO MACROCOSMICO CHE TRASMETTE ONDE CEREBRALI RIFERENTISI AD AZIONI CHE IL MACROESSERE COMPIE O HA COMPIUTO.

27) LE PREVISIONI DEI SENSITIVI DIMOSTRANO L’ESISTENZA DI UN CERVELLO MACROCOSMICO CHE INDICA L’INTENZIONE DEL MACROESSERE DI COMPIERE AZIONI FUTURE.

28) LA CONOSCENZA DI EPISODI DELLA VITA DEI TRAPASSATI DA PARTE DEI SENSITIVI DIMOSTRA L’ESISTENZA DI UN CERVELLO MACROCOSMICO CHE RICORDA LE IMPRESSIONI RICEVUTE PER OPERA DEL TRAPASSATO DURANTE LA VITA DI QUEST’ULTIMO.

29) L’ANALOGIA FRA GLI INDIVIDUI UMANI CHE ATTIVANO UNA GHIANDOLA INCRETRICE DEL MACROESSERE E GLI ORGANISMI CELLULA CHE ATTIVANO LE GHIANDOLE BIOLOGICHE, DIMOSTRA L’ESISTENZA DELLA VITA MACROCOSMICA.

EUGENIO SIRAGUSA

Etna, 05 Luglio 1966.

Ore 03:15

https://solexmalidiomauniversale.blogspot.com/search…

“Osate di guardare in faccia alla realtà”

Dal Cielo alla Terra – comunicazione p.e.s.

Osate di guardare in faccia alla realtà che vi circonda, e non perdete il vostro prezioso tempo gironzolando nei meandri di

discussioni inutili.

Sono i fatti che debbono porvi in seria meditazione e valutare seriamente la rivelazione che si appalesa in questo scorcio di secolo.

Le discussioni, i colloqui, hanno un valore assai relativo se da essi non scaturiscono risultati positivi, atti a realizzare l’interiore

convinzione della nostra presenza e della nostra fraterna ed universale Operosità.

Ogni segnato deve predisporsi alla conoscenza, rendendosi docile all’offerta che, tramite mezzi diversi, gli porgiamo.

Se il segnato propone alla nostra Offerta l’emotività dei complessi razionali e si ostina a far prevalere i concetti dell’erudizione scolastica o domenicale, difficilmente potrà

assumere l’idoneità necessaria per entrare nell’orbita dei Valori Spirituali, animici e fisici, che siamo in grado di sviluppare, al

fine di istruire la strutturazione psico-fisica e renderla armonicamente positiva e sensibile sui piani dimensionali superiori sconosciuti alla umana intelligenza.

Noi dedichiamo ben volentieri il tempo necessario, occorrente a coloro che scegliamo, per offrir loro quanto la Divina Intelligenza si degna, ma non siamo disponibili per coloro che, resistono alla nostra Offerta, provocando discussioni inutili e, quindi, perdita di tempo molto prezioso per noi!

Chi ha compreso la Verità ha solo bisogno di farla sua, auto realizzando tutti quei valori fisici, animici e spirituali, necessari a

porre la sua intelligenza laddove potrà assorbire la Luce della Verità-una e della conoscenza-una.

Noi abbiamo invitato il nostro Operatore a vagliare i grafici mentali e a comportarsi di conseguenza.

È consigliabile allontanarsi dallo studio di questa Verità se non si è in grado di vagliarla con serietà, con Amore, con Dedizione e

con Aristocraticità Spirituale.

Che i vostri cuori siano sempre in pace e le vostre anime ravvedute e consigliate.

Dal Cielo alla Terra.

Per i Figli della Cristica Fiamma

Eugenio Siragusa

Catania, 24 Agosto 1970 ore 9,30

Publicado en Sin categoría

L’UOMO È UN MOSTRO!

Per Filippo Bongiovanni

L’UOMO È UN MOSTRO!
MERITA LA MORTE PER SEMPRE

Filippo Bongiovanni

Non siamo noi a parlare ma i tragici avvenimenti carichi di funesti presagi..!

“Animali eravate, animale ritornerete ad essere” “Questa è la seconda morte, la condanna riservata a coloro che hanno perseverato nelle mortali nefandezze.

E’ quindi bene insegnare i propri figli che, subito dopo il compimento del Giudizio Universale, dovresti stare attenti a non uccidere gli animali perché ucciderebbero i loro avi ei loro padri”.

Dal Cielo alla Terra
Eugenio Siragusa
Nicolosi, Giugno 1987

Publicado en Sin categoría
error: Content is protected !!